La minoranza di Roggiano chiede le dimissioni di sindaco e Giunta In evidenza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Il municipio roggianese Il municipio roggianese

ROGGIANO GRAVINA - Piovono interrogazioni sulla “rabberciata” maggioranza (sette consiglieri su tredici) che governa ancora la cittadina dell’Esaro. È il capogruppo di minoranza ed ex sindaco Salvatore De Maio, “Insieme per Roggiano”, che ne ha presentate ben tre di natura politica, tecnica ed amministrativa. La prima – quella più importante vista la situazione – pretende dal sindaco una risposta «in merito alla recente revoca del vicesindaco e assessore» e a tale proposito chiede «se non ritenga il sindaco che sia onesto, corretto, democratico ed opportuno rassegnare le dimissioni dalla sua carica essendo l'Amministrazione ormai priva del fondamentale sostegno della maggioranza degli elettori che l'hanno votata».

A tale determinazione De Maio arriva tramite un ragionamento: «in poco più di un anno – aggiunge – il sindaco ha revocato prima l’assessore Pina Vano e poi il vicesindaco Ilenia Addino. Le stesse erano state nominate in Giunta in virtù del lusinghiero risultato elettorale ottenuto in termini di preferenze personali rispettivamente ottenute». Infatti, i numeri dicono che nel 2016 la Addino ebbe (prima eletta in assoluto) 812 suffragi; la Vano 371, ed entro nell’esecutivo per l’accordo pregresso fatto con il Pd locale. I voti citati, in effetti, «sono stati determinanti per la vittoria della formazione politica capeggiata in occasione delle ultime consultazioni comunali». Infatti, “Rinascita democratica” ottenne 2.481 voti (52,75%) mentre “Insieme per Roggiano” si fermò a 2.083 (44,29%). Alla luce delle defezioni, quindi, «l’attuale maggioranza non avrebbe più i numeri – in termini di voti – per governare». La seconda interrogazione riguarda «la potabilità dell’acqua erogata dalla fontana di località  Carcare che siccome è da tempo inattiva» si vorrebbe conoscere «a quando risalgono le ultime analisi chimico biologiche effettuate». Infine, a riguardo dell’esenzione del pagamento dell'Imu «per tutti i terreni che non sono suscettibili d’edificazione», De Maio vuole conoscere se il «Responsabile dell’Ufficio tecnico li ha eliminati dall’elenco per il pagamento della tassa».
 

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello: Altre due interrogazioni su acqua e tributi
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners