Il Vescovo Bonanno scrive ai giovani adamantini In evidenza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Il Vescovo Bonanno si rivolge a tanti giovani Il Vescovo Bonanno si rivolge a tanti giovani

SAN MARCO ARGENTANO - Dopo l'efferato omicidio di un giovane avvenuto a Diamante nei giorni scorsi, il Vescovo monsignor Bonanno della Diocesi che è inSan Marco Argentano – Scalea ha voluto inviare il seguente messaggio ai giovani: "Carissimi giovani, anche se fisicamente lontano da voi mi sento vicino con l’affetto e la preghiera per vivere insieme questo momento di grave turbamento in seguito alla tragica scomparsa del caro Francesco".

"Il grave fatto di sangue accaduto nella nostra Diamante - prosegue - ha tolto la vita ad un giovane che, come voi, coltivava nel suo cuore le tante speranze per il futuro. Ha lasciato nello sgomento e nella profonda solitudine i suoi cari, rimasti improvvisamente e inspiegabilmente privi dell’affetto grande e insostituibile di un figlio. Ha provocato nel vostro cuore interrogativi sul valore della vita, che è un dono ricevuto e di cui si dovrà rendere conto, dopo i genitori, al Padre Celeste che ci ha creati a sua immagine e somiglianza. Carissimi, se questi miei disadorni pensieri, ma scaturiti dalla mente e dal cuore di chi è vescovo, cioè pastore e guida del popolo di Dio che vive in questa diocesi, se questi pensieri sono anche i vostri allora bisogna convenire che nessun uomo deve morire a causa della violenza di un proprio simile. Eppure troppo spesso episodi che sembrano banali o nascono da motivi scherzosi si trasformano in contese e risse violente, con la perdita della ragione e l’affermarsi della forza. Cari fratelli non occorre essere cristiani o cattolici per amare la vita, difenderla, custodirla, trasmetterla…anche se la fede può offrire una marcia in più perché tutto questo avvenga. E le ragioni della civile convivenza prevalgano sull’istinto. Ancora una volta sento risuonare il monito antico di Dio a Mosè: Non uccidere, tradotto da Gesù di Nazareth con l’invito ad amare il nostro prossimo. Chi uccide non ha ancora varcato la soglia del cristianesimo né adempiuto la legge di Mosè (1400 prima di Gesù ), rimanendo nel più cieco paganesimo. Possa il signore illuminare le vostre vite senza aver paura di lui. Voi con me con la chiesa di Diamante, gli Amministratori pubblici, invochiamo questa sera Dio Padre che accolga con un forte abbraccio Francesco, nostro fratello. Consoli, come lui sa fare quanti nel dolore non sanno dare spiegazioni a quanto accaduto. Faccia scoprire a ciascuno di noi come è bello percorrere sentieri di pace insieme con l’umanità del nostro tempo, che ci appare smarrita e spesso vittima di soprusi e violenza. Vi abbraccio nel Signore, il Vostro Vescovo Leonardo".



Informazioni aggiuntive

  • Occhiello: Chi uccide non ha ancora varcato la soglia del cristianesimo né adempiuto la legge di Mosè
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners