Redazione

Redazione

URL del sito web:

Trentenne coriglianese arrestato per detenzione di materiale pedopornografico

CORIGLIANO – (Comunicato stampa) Nei giorni scorsi un giovane di Corigliano Calabro, M.P. di 30 anni, è stato arrestato dalla Polizia di Stato perché trovato in possesso di un'ingente quantità di materiale pedopornografico.
Oltre 270 files di video e foto di natura pornografica, realizzati con l’utilizzo di minori, sono stati infatti rinvenuti presso la sua abitazione, celati abilmente nella memoria dell’hard disk di un personal computer, sequestrato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Cosenza e di Catanzaro a seguito di una perquisizione locale e su sistemi informatici disposta nei suoi confronti dalla Procura della Repubblica di Roma, per i reati di cui agli artt. 600ter e quater c.p. (pornografia minorile e detenzione di materiale pedopornografico).

Il sindaco Russo contro gli esponenti di "Noi con Salvini": "Riportano frasi prive di fondamento"

FIRMO – (Comunicato stampa) Il sindaco di Firmo Gennaro Russo, dopo l'incontro pubblico per discutere della richiesta della Prefettura di Cosenza circa la disponibilità dei Comuni ad accogliere un numero di migranti, come da accordo tra ANCI e Ministero dell'Interno, nella misura di 2,5 migranti ogni 1.000 abitanti, torna a fare alcune precisazioni.
«Le critiche che provengono da esponenti che si richiamano al movimento “Noi con Salvini” -scrive in una nota-, lungi dall'offenderci, rappresentano un motivo di vanto per chi fa dell'accoglienza e della solidarietà un impegno giornaliero politico e umano».

CALCIO UISP - E' ancora scontro al vertice fra Cassano e Terranova dopo la sconfitta del Villapiana

CASTROVILLARI – (Comunicato stampa) Tiene la vetta il Cassano al termine della ventunesima giornata nonostante l’ostacolo non fosse dei più morbidi, anzi contenesse alcuni aculei con cui ci si poteva far male: il 2-0 sigla nella ripresa (a segno De Luca e Marotta) una vittoria meritata come riconosciuto anche dalla sportivissima dirigenza gialloverde a fine gara. Lo scenario per la squadra di Luciano Caruso si fa interessante: si è sempre dubitato, vista la posizione di classifica degli anni passati, sulle reali potenzialità biancoazzurre ma ad oggi queste perplessità non hanno ragione di esistere. Il periodo di flessione indubbiamente c’è stato (ed è fisiologico) qualche settimana fa, ma oggi tutto sembra pronto in casa cassanese per affrontare il lungo rush finale che designerà la vincitrice di questo appassionante torneo.

A San Sosti la Fidas raccoglie il sangue

SAN SOSTI – (Comunicato stampa) Domenica 2 aprile 2017 raccolta sangue nel comune di San Sosti, in via S. Croce, dalle ore 8:00 alle ore 12:00. «Siamo perennemente in emergenza sangue nella provincia di Cosenza, soprattutto quando si è in cerca dei gruppi sanguigni rari -spiega Antonio Parise, presidente della sezione Fidas di San Marco Argentano- per cercare di arginare questa sempre alta richiesta, c’è il bisogno del supporto di tutti, specie nei territori dove non è radicata a fondo la cultura della donazione. Ringraziamo la comunità di San Sosti, che si è dimostrata sensibile al nostro appello ed in particolare un ringraziamento al donatore Giuseppe Maratea per l’impegno svolto in prima persona, per questa prima donazione in questo paese ricco di storia e di tradizione.

A Castrovillari arriva il consiglio comunale dei bambini

CASTROVILLARI – (Comunicato stampa) “L’Amministrazione comunale di Castrovillari dà attuazione al Regolamento che istituisce il Consiglio Comunale dei Bambini e dei Ragazzi, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 7 giugno 2016”.
Ne danno notizia Cristina Cosentino, delegata al progetto Verticalia-Democrazia dal basso, e Serena Carrozzino, Presidente della 4^ Commissione consiliare “Sport, Turismo, Pubblica Istruzione, Cultura e Tempo Libero”.

Truffa all'Inps con falsi codici fiscali. Recuperati 50mila euro

COSENZA - (Comunicato stampa) I Finanzieri del Comando Provinciale di Cosenza, coordinati dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, hanno smascherato una truffa perpetrata ai danni dell’INPS mediante la creazione di falsi codici fiscali al fine di ottenere l’erogazione di indennità di malattia, disoccupazione e maternità.
Un ex funzionario pubblico era riuscito con abile truffa ad ottenere false attribuzioni di codice fiscale, che hanno poi consentito la presentazione di domande di liquidazione di indennità previste dalla disciplina posta a tutela dei lavoratori.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners