Cambio di comando alla Compagnia dei Carabinieri di San Marco Argentano In evidenza

  • Il Capitano Abrescia succede al Capitano Sacco
0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
A sinistra il Capitano Abrescia a destra il Capitano Sacco A sinistra il Capitano Abrescia a destra il Capitano Sacco

SAN MARCO ARGENTANO – Cambio di vertice nella Compagnia dei Carabinieri di San Marco Argentano dove, questa mattina, ha assunto il comando il capitano Giuseppe Abrescia. Succede al capitano Giuseppe Sacco che, dopo circa 4 anni (aveva assunto la direzione della compagnia nell'ottobre 2012) di lavoro sul vasto territorio, viene trasferito a Cosenza dove assume il comando del Nucleo Operativo Provinciale.

Il capitano Abrescia, 43enne di origini baresi, proviene dal nucleo Operativo e Radiomobile di Potenza dove è rimasto per circa sei anni. Successivamente ha comandato, per circa sei mesi, la Compagnia di Matera poiché in sede vacante, e precedentemente era stato per circa otto anni nel Battaglione mobile carabinieri Puglia. Un buon bagaglio di esperienza che sicuramente potrà essere messo al servizio di quanto già fatto dal capitano Sacco che sul territorio ha voluto lasciare un segnale forte nella direzione sia della repressione che della prevenzione, facendo emergere chiaramente la sua indole ad essere vicino alla popolazione. Nota, infatti, la sua partecipazione agli eventi del territorio e la piena collaborazione istituzionale con gli enti locali. «Si è trattato -ha detto Sacco in un saluto informale con la stampa- di un percorso lavorativo interessante da cui emerge la fotografia di un territorio abbastanza tranquillo. L'obiettivo era quello di raggiungere l'idea di Polizia di Prossimità, ossia vicina ai cittadini e credo che come Compagnia ci siamo riusciti».
Per quanto riguarda il nuovo comandante Abrescia, il lavoro inizia da subito sia con lo studio del territorio che con l'incontro dei vari comandanti di stazione che, lo ricordiamo, sul territorio di competenza sono 10 su ben 16 comuni che vanno da Sant’Agata d’Esaro a Santa Sofia d’Epiro.

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners