Quattro arresti per droga, violenza e furto messi in atto dalla Polizia di Rossano In evidenza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Quattro arresti per droga, violenza e furto messi in atto dalla Polizia di Rossano

CORIGLIANO-ROSSANO - Nel pomeriggio di ieri, nel corso di un operazione di Polizia Giudiziaria, finalizzata alla prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti nell’ambito del piano dei controlli straordinari del territorio voluti in sede di tavolo tecnico dal Questore della Provincia di Cosenza dott. Giancarlo Conticchio, personale dell’ufficio di Polizia Giudiziaria del Commissariato di P.S. di Rossano diretto dal Commissario capo della Polizia di Stato dott. Giuseppe Massaro, unitamente al Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale ed al Reparto Cinofili della Polizia di Stato di Vibo Valentia, effettuava una perquisizione domiciliare e personale presso l’abitazione dell’arrestato.

Nel corso della perquisizione veniva rinvenuta sostanza stupefacente del tipo marijuana, un bilancino elettronico e materiale per il confezionamento dello stesso tipo che assicurava l’involucro.
Visto i precedenti penali e di Polizia, anche specifici di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, si definiva un quadro probatorio chiaro, preciso, e concordante, comprovante la detenzione ai fini di spaccio per il quale O. S. veniva tratto in arresto ed accompagnato presso gli Uffici del Commissariato di P.S. per le incombenze di rito.
Dell’avvenuto arresto si dava notizia al P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, diretta dal dott. Eugenio Facciolla.
Nel tardo pomeriggio di ieri, personale della Squadra Volante del Commissariato di Rossano, interveniva presso il locale Pronto Soccorso in CORIGLIANO-ROSSANO, dove trovava M.C. che per entrare all’interno di una sala medica stava aggredendo violentemente una guardia particolare giurata addetta alla sicurezza del nosocomio.
Il personale della Polizia di Stato, prontamente intervenuto per fermare l’aggressore, veniva a sua volta aggredito e minacciato di morte da M.C.
L’altro arrestato, E.G. all’atto presente nei locali del Pronto Soccorso, interveniva scagliandosi anch’esso contro gli agenti, i quali con non poche difficoltà riuscivano a fermare la resistenza e l’aggressione dei due pluripregiudicati.
Successivamente, gli operatori di volante, con l’ausilio di una equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, in servizio straordinario del territorio per come disposto in sede di tavolo tecnico dal Questore della Provincia di Cosenza dott. Giancarlo Conticchio, riuscivano ad accompagnare i due soggetti presso i locali del Commissariato di P.S.
I due, dopo gli adempimenti di rito, venivano tratti in arresto per resistenza violenza e minaccia a P.U.  
Notiziato degli avvenuti arresti il P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, diretta dal Procuratore Capo dott. Eugenio Facciolla, il quale disponeva, per il M.C. la traduzione presso la casa Circondariale di Castrovillari e per l’E.G. la sottoposizione agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.
Sempre nella serata di ieri, personale della Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Rossano, in località c.da Sant’Irene del comune di Corigliano-Rossano, traeva in arresto in flagranza di reato L.D.
Gli operatori di Polizia sorprendevano l’arrestato mentre caricava, in un furgone di proprietà, delle casse di arance appena rubate nell’agrumeto ivi esistente.
L’intervento della volante era stato richiesto al 113 dal proprietario dell’agrumeto, dopo che lo stesso aveva notato due persone nella sua proprietà intende a rubare arance.
Uno dei due ancor prima dell’arrivo della Volante si era dato alla macchia riuscendo a dileguarsi, lasciando però sul posto un’autovettura con targa straniera.
A riguardo sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati all’individuazione del fuggitivo.
I due avrebbero asportato circa 4 quintali e mezzo di arance, che sono state riconsegnate all’avente diritto, il quale presso gli Uffici del Commissariato sporgeva regolare denuncia, mentre le due autovetture sono state sequestrate penalmente.
Anche in questo caso veniva notiziato il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari, diretta dal Procuratore Capo dott. Eugenio Facciolla.

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners