«Deturpato un pezzo della storia roggianese»

ROGGIANO GRAVINA«Una delle scale storiche del nostro paese è stata distrutta». La prima segnalazione arriva da Monica Nardi, ex amministratore ed ora esponente di Rifondazione comunista e Potere al popolo. A ruota quella di Salvatore De Maio, ex sindaco ed oggi capogruppo di minoranza.

Sequestrate altre 700 piante di cannabis indica a Roggiano

ROGGIANO GRAVINA - Roggiano centro nevralgico della coltivazione di cannabis indica? La domanda nasce quasi istantanea, specie dopo l’ulteriore ritrovamento d’una nuova coltivazione di 700 piante che s’aggiungono al maxi sequestro delle 2.500 ritrovate nei giorni scorsi dai militari dell’Arma guidati dal luogotenente Stanislao Porchia. In appena sette giorni, sempre in località Trignetto – a poca distanza dall’A2 che passa vicino al territorio di Tarsia – sono state ben 3.200 le piante sequestrate per un possibile valore commerciale di circa 500mila euro. Un duro colpo a bande delinquenziali interessate al commercio illecito di marijuana che ne sarebbe scaturito.

Maxi sequestro di ben 2.500 piante di cannabis indica a Roggiano

ROGGIANO GRAVINA -  Maxi sequestro da record di cannabis indica, si parla di circa 2.500 piante, in località Trignetto del comune roggianese, in un terreno – innaffiato da un bel sistema d’irrigazione – che si trova in direzione di Tarsia e quindi non molto lontano dall’A2. È stato scoperto, nascosto tra la fitta vegetazione e dopo mirate indagini, dai militari dell’Arma agli ordini del luogotenente Stanislao Porchia, che hanno così sottratto al mercato illegale la possibilità d’intascare diverse centinaia di migliaia di euro a seguito dell’immissione in vendita della marijuana.

Oggi l'ultimo saluto al 24enne perito a causa di un tragico incidente

ROGGIANO GRAVINA - La cittadina dell'Esaro è listata a lutto, ed oggi pomeriggio darà il suo ultimo saluto a Roberto Miraglia, lo sfortunato ragazzo di 24 anni perito dopo alcuni giorni da quello che si è rivelato un tragico incidente stradale. Sgomento, rabbia e disperazione: sono i sentimenti che si sono toccati con mano in questi giorni nella cittadinanza roggianese. Persone praticamente scioccate dopo la bruttissima notizia arrivata da Brescia. Il giovane Roberto Miraglia, appena 24enne, è morto agli Spedali Civili della città lombarda dopo il bruttissimo incidente stradale di qualche giorno addietro. C’è stato un sottile filo di speranza in tutti: nella mamma Franca, nel papà Vincenzo, nella sorella Giulia e nel fratello Enrico. Poi, però, quando s’è spenta anche l’ultima fiammella, nella comunità roggianese è scattato il silenzio.

Coltivava cannabis indica dietro l'abitazione

ROGGIANO GRAVINA  - Aveva predisposto tutto in modo certosino: una trentina di piante di “cannabis indica” germogliavano tranquillamente, irrorate da un bel sistema d’irrigazione, sul retro d’un abitazione in località Larderia nei pressi della diga del Basso Esaro. L’uomo, M. P. 45 anni di Altomonte, non aveva però fatto i conti con i militari dell’Arma guidati dal luogotenente Stanislao Porchia che a seguito di un’accurata indagine l’hanno colto di sorpresa arrestandolo e sequestrando l’intera piantagione nella quale c’erano piante alte fra i due e i due metri e mezzo.

Stalking, conoscerlo per imparare a difendersi

ROGGIANO GRAVINA - Lo stalking e tutti i reati più gravi che ne possono conseguire è diventato purtroppo un problema con il quale fare i conti tutti i giorni. Quasi quotidianamente, infatti, si assiste ad episodi di violenza domestica che sfociano sciaguratamente in terribili femminicidi che, a volte, si potrebbero evitare. La parola “prevenzione” allora diventa uno strumento anche per potersi difendere.

Piazzale della Chiesa di Pianette realizzato dai fedeli

SAN MARCO ARGENTANO - C’è da rifare il piazzale antistante la Chiesa in economia? Non c’è limite, come si dice, alla provvidenza, poiché mai come in questi casi emerge l’operosità dell’intera collettività. L’edificio di culto, Santa Maria Assunta, si trova in località Pianette, praticamente al confine tra tre territori: San Marco Argentano, Roggiano Gravina e Santa Caterina Albanese

Superare la disabilità grazie ad uno spirito nuovo

S. AGATA D’ESARO - “Oltre le barriere”: già il nome dell’associazione costituita da alcuni mesi e presieduta dalla sociologa Esperia Piluso, dà il senso della voglia di “oltrepassare” alcuni steccati. Barriere che – nel corso degli anni – si sono sempre frapposte fra le istituzioni e chi vive quotidianamente la disabilità. Nasce così un nuovo modo di vivere questa condizione di vita, grazie soprattutto all’impegno dei genitori dei “diversabili” ma anche ad una nuova consapevolezza di “accogliere” chi è meno fortunato di noi.

Solidarietà fra prevenzione e immigrazione, se n'è parlato a Roggiano Gravina

ROGGIANO GRAVINA  - La presenza dell’assessore regionale alla cultura, Maria Francesca Corigliano, ha impreziosito l’evento socio-culturale organizzato dall’Arco (Associazione Ri-uniti Calabria oncologia). L’esponente della Giunta Oliverio ha «lodato il fermento culturale dell’Esaro» aggiungendo di essere rimasta «colpita dalla varietà di competenze estrinsecate del corso della serata». “Non solo terapie”, questo il nome dato all’incontro, s’è occupato di solidarietà: quella dei corridoi di un qualsiasi reparto oncologico e quella che ci deve essere, attraverso l’accoglienza, verso quei migranti ai quali bisogna dare la giusta attenzione.

Atletica, Antonio Perrone in evidenza in Lucania

ROGGIANO - Ottima prestazione di Antonio Perrone, podista tesserato con l’Asd New Team di Roggiano Gravina che alla recente mezza maratona di Banzi, piccolo centro in provincia di Potenza, ha vinto la propria categoria (SM35) con il tempo di 1h 39’ e 13”. Il tempo gli è valso il sesto posto assoluto dietro a Laviero Salvia (Amatori Potenza) che ha chiuso il tracciato con 4’ e 34” di vantaggio sull’atleta roggianese primo comunque tra i calabresi partecipanti.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners