Esaro, grossi incendi a San Marco e tra Malvito e Mottafollone

SAN MARCO ARGENTANO - Due incendi di grosse proporzioni hanno devastato due fette del comprensorio dell’Esaro. Contrada Prato, nel territorio sammarchese, è diventata praticamente un inferno fin dalla tarda serata di martedì con fiamme altissime e roventi che solo dopo oltre dodici si sono attenuate. Tra Malvito e Mottafollone, invece, le lingue di fuoco, alimentate anche dal vento, hanno preso di mira i terreni di un’azienda agricola e attraversato una collina tra i due comuni arrivando a lambire diverse abitazioni ed entrando quasi a contatto con un rifornimento di carburante.

Malvito, incendio arriva a lambire alcune abitazioni

MALVITO - Un improvviso incendio, scoppiato nel pomeriggio di lunedì, è arrivato a lambire alcune abitazioni ed il deposito di un’azienda di autotrasporti sita in località Vadolati. Fortunatamente non ci sono stati danni né alle cose né tanto meno alle persone con diversi abitanti che hanno comunque preso un bello spavento. Sembra che le fiamme siano divampate poco più a monte a causa della ripulitura di un terreno dalle sterpaglie.

Manca l'acqua a Malvito, Callisto scrive al Prefetto

MALVITO - «Il paese senz’acqua potabile»: con questo oggetto il capogruppo di minoranza del gruppo "Malvito nel Cuore" scrive al Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao. «Signor Prefetto - inizia così la missiva - so bene dei suoi poteri ormai limitati nel controllo dei Comuni. Tuttavia, so anche – ed è per questo che Le indirizzo la presente lettera – che sempre a Lei, quale massima autorità provinciale di protezione civile, la legge conferisce la facoltà, direi l’obbligo, di adottare i poteri sostitutivi nel caso di un sindaco inadempiente od omissivo, quale autorità locale di protezione civile, rispetto ad impellenti urgenze ed emergenze. Perciò, Le rappresento, a nome anche di tanta povera umanità senza voce, il mio crudo lamento: da un mese a questa parte alle utenze idriche del centro storico di Malvito è stato vietato l’utilizzo dell’acqua per uso potabile.

Malvito, due auto in fiamme nei pressi del Municipio

MALVITO - Due auto in fiamme, in pieno centro storico, nella tarda serata di lunedì scorso. L’incendio, di presunta origine dolosa, è avvenuto in piazzetta Annunziata, slargo prospiciente al palazzo municipale malvitano e ad un’altra struttura comunale dove è ospitato anche l’ambulatorio dell’ufficiale sanitario. Le autovetture, un’Alfa Romeo ed una Peugeot, erano di proprietà di due giovani del luogo che solitamente la parcheggiano in quel luogo.

D'Ambra presenta a Lamezia un documento sulle politiche giovanili

LAMEZIA TERME - «In un momento storico così difficile, caratterizzato da una forte crisi economica, sociale, identitaria, è necessario prestare particolare attenzione alle nuove generazioni e alle problematiche ad esse connesse». Lo scrive in una nota Francesca Rosa D'Ambra, vice segretaria nazionale dei Giovani Socialisti, originaria di Malvito, che ieri mattina nel corso della due giorni "Gli Stati Generali per le politiche giovanili" tenutasi a Lamezia ha presentato un documento all'assessore regionale alle politiche giovani per la creazione di un osservatorio permanente sulle politiche giovanili, appunto. «Il rapporto al giorno d’oggi tra i giovani e la politica -continua D'Ambra- è molto complesso. I dati parlano chiaro, siamo dinanzi ad un periodo di grave deficit democratico che colpisce principalmente le nuove generazioni che disilluse e tal volta, disinformate schivano la politica e le istituzioni. Un paese che investe nelle capacità dei giovani significa porre le basi per la creazione di una società futura solida e preparata.

Bagarre politica a Malvito, Callisto: "Gravissime violazioni di legge dell'amministrazione"

MALVITO – (Comunicato stampa) «Ancora una volta non mi interessano le accuse, peraltro infondate, e neppure gli insulti contro la mia persona da parte dell'Amministrazione comunale rispetto a cui ci sarà tempo e spazio per altri "confronti". Insisto, invece, nel mettere in luce a vantaggio di tutti i cittadini le persistenti e gravissime violazioni di legge di cui, nella gestione contabile e non solo, si rende protagonista l'Amministrazione Amatuzzo».

"Malvito Bene Comune" vuole 'sbugiardare' Callisto e il suo gruppo

MALVITO - (Comunicato stampa) Il gruppo di maggioranza “Malvito Bene Comune” considera «Esternazioni pretestuose, quelle del Consigliere Callisto». Lo rende noto in una nota nella quale ribadisce che «A seguito dei reiterati articoli di stampa da parte del gruppo di opposizione atti a descrivere una realtà amministrativa non corrispondente al vero e pertanto falsa, il gruppo consiliare di maggioranza “Malvito Bene Comune”,  vuole sbugiardare, con carte alla mano, questa ignobile, spregevole, abietta e squallida campagna diffamatoria, messa in atto dal capogruppo Callisto; campagna che ha come unico ed evidente scopo, in cuor suo, di destabilizzare questa compagine amministrativa composta da persone perbene ed oneste.

La maggioranza di Malvito risponde sulla richiesta di scioglimento dell'esecutivo

MALVITO - (Comunicato Stampa) Malvito Bene Comune interviene in risposta alle "questioni" sollevate da Fulvio Callisto, capogruppo di opposizione del comune di Malvito, con una propria nota nella quale scrive «In merito all’articolo giornalistico del gruppo di opposizione, nella persona del suo capogruppo Callisto Fulvio, dal titolo  “chiarezza sui conti del comune, la minoranza scrive al prefetto chiedendo lo scioglimento”, il gruppo consiliare di maggioranza “Malvito Bene Comune”,  afferma che forte è lo stupore per le tante idiozie, e stoltezze, riscontrate nel documento politico, che descrivono uno spaccato amministrativo non corrispondente al vero e di cui il gruppo di minoranza se ne assumerà le responsabilità dinanzi alle autorità preposte.

Callisto snobba la replica della maggioranza e insiste: "Il consiglio non può non essere sciolto"

MALVITO - «Non m’interessano gli argomenti e i toni da campagna elettorale con i quali, non avendone evidentemente altri, l'amministrazione di Malvito ha replicato alla nostra richiesta di scioglimento del Consiglio comunale». È l’ex sindaco Fulvio Callisto, oggi capogruppo di "Malvito nel Cuore” che si richiama al Pd, che rimanda al mittente alcune accuse e, anzi, riafferma: «M’interessa di più che il Prefetto Tomao e il Ministro Alfano valutino il copioso dossier presentato al riguardo: il Consiglio non può non essere sciolto perché ricorrono le condizioni di mancato riequilibrio dei conti rispetto alla competenza del Bilancio 2015 e al rendiconto della Gestione 2014 per cui lo stesso Consesso avrebbe dovuto provvedere, entro i termini di legge, con le necessarie misure».

Malvito, la maggioranza replica piccata al tentativo di scioglimento del Consiglio comunale

MALVITO - A seguito del “dossier” inviato al Prefetto Tomao ed al Ministro Alfano a riguardo di “presunte irregolarità contabili e gestionali”, arriva la replica da parte del gruppo di maggioranza “Malvito bene Comune”. È il capogruppo Walter Maccari che rispondendo ai consiglieri di minoranza Callisto, Bruno e Coppa (“Malvito nel cuore”) afferma: «è forte lo stupore per le tante idiozie e stoltezze riscontrate che descrivono uno spaccato amministrativo non rispondente al vero e di cui la minoranza s’assumerà le responsabilità dinanzi alle autorità preposte».

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners