Inaugurato Palazzo Bisciglia a San Benedetto Ullano

Inaugurato Palazzo Bisciglia a San Benedetto Ullano

S.BENEDETTO ULLANO - Palazzo Bisciglia apre alla cultura. Partecipata cerimonia, a S.Benedetto Ullano, per l'inaugurazione dello storico palazzo e la riapertura della biblioteca. Un importante momento, appunto, per la storia e l'identità della piccola comunità arbëreshë. “Al termine dei lavori di restauro, è stato restituito alla nostra comunità - ha evidenziato la sindaca del piccolo centro, Rosaria Capparelli - uno dei palazzi del centro storico, che ritorna ai suoi antichi splendori ed aspira a diventare luogo simbolo della nostra cultura di appartenenza. L’intervento di recupero non ha riguardato solo l’aspetto architettonico, ma anche quello culturale ed immateriale in un progetto più ampio di valorizzazione della cultura arbëreshë”.

All’amministrazione comunale della sindaca Capparelli, infatti, è toccato il delicato compito di ridare impulso ai lavori di ristrutturazione, che erano fermi da alcuni anni, e curare interamente la parte immateriale del progetto, volta alla digitalizzazione dell’archivio del Collegio di Sant’Adriano di S. Demetrio Corone e del Collegio Corsini di S. Benedetto Ullano. Compito, quest’ultimo, che è stato svolto in maniera validissima da Laura Criscuolo. Sempre in quest’ ottica di valorizzazione della cultura locale, si pone il viaggio nelle chiese curato da Marcello De Fusco. “Abbiamo ritenuto, inoltre, - ha spiegato ancora la prima cittadina di S. Benedetto Ullano - di dover ridare lustro alla nostra biblioteca comunale trasferendola in una sede più appropriata e degna della sua importanza”. E’ seguito un interessante convegno che ha registrato la presenza, tra gli altri, di Attilio Sabato e Leopoldo Conforti, entrambi originari di San Benedetto. Tra i presenti anche i sindaci di Montalto Uffugo, Cerzeto, S. Martino di Finita e S. Demetrio Corone ed il senatore Cesare Marini, i parroci ed altre personalità. All’interno del palazzo si potrà visitare l'area dedicata alla cultura arbereshe con l'esposizione di vestiti tradizionali, strumenti di lavoro artigianale ed il bassorilievo raffigurante Giorgio Castriota Skanderbeg, le mostre di foto storiche del villaggio nei vari ambiti del sociale (archivio Gino Tavolaro) e sulle ultime donne in abito tradizionale e sul poeta Costabile dedicata all’emigrazione, curate da Luigi Imbrogno.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners