Santa Sofia d’Epiro, finisce sotto un trattore e muore In evidenza

  • Lascia la moglie, due figli e una comunità attonita
0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Il trattore ribaltato sotto al quale ha perso la vita l'uomo Il trattore ribaltato sotto al quale ha perso la vita l'uomo

S. SOFIA D’EPIRO - Lutto davvero inaspettato per la comunità sofiota che piange attonita l’improvvisa e prematura morte di Luigi Lifrieri, 67 anni, avvocato in pensione molto conosciuto e stimato. L’uomo è stato purtroppo trovato cadavere - nel primissimo pomeriggio di sabato - dopo essere stato verosimilmente investito dal piccolo trattore di cui era alla guida in località Cavallo d’Oro, zona di campagna dove possedeva alcuni appezzamenti di terreno.

A trovarlo sarebbero stati alcuni vicini di casa allertati dalla consorte dell’ex professionista visto il suo mancato rientro per l’ora di pranzo. Sul posto si sono recati subito dopo i militari dell’Arma agli ordini del luogotenente Giovanni Rega, che per alcuni anni ha guidato il Nucleo Radiomobile di San Marco Argentano, compagnia attualmente coordinata dal vice comandante, luogotenente Pio Croce. Secondo le prime indagini, sembra che l’uomo fosse uscito di casa poco dopo le otto per recarsi nella zona agreste dove più tardi è successo il terribile incidente. Ad alcuni amici, che lo chiamavano “Lino”, avrebbe detto, nella serata del 7 settembre mentre erano dinanzi ad un falò acceso in devozione della Madonna, di voler trascorrere la mattinata in campagna per fare dei solchi con il trattore. Era un appassionato d’agricoltura e soleva passare il tempo a dilettarsi nei campi dopo una vita trascorsa tra il suo studio legale e le aule di tribunale. E purtroppo questa sua passione l’ha sventuratamente portato alla morte. A quanto pare, siccome il suo trattore era più grande, avrebbe chiesto in prestito un mezzo più piccolo per lavorare la terra in quel determinato luogo. Sulla dinamica del capovolgimento del mezzo, avvenuto probabilmente nella tarda mattinata, stanno lavorando gli inquirenti intervenuti. È certo che si tratti di morte accidentale, come verificato anche dal medico legale fatto intervenire dalla Procura di Castrovillari, ma sulla causa ci sono al vaglio una serie d’ipotesi: un possibile smottamento del terreno, un guasto meccanico; un improvviso malore dell’uomo. Sembra che tra qualche giorno dovesse partire per una breve vacanza ma il destino è stato crudele. Lascia la moglie, insegnante di scuola dell’Infanzia andata da poco in pensione, e due figli che lavoravano al nord Italia. I funerali, per l’ultimo saluto, si sono già svolti nella Chiesa Madre di Sant’Attanasio.

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners