Agricoltura calabrese, se n'è parlato a Luzzi In evidenza

Agricoltura calabrese, se n'è parlato a Luzzi

LUZZI - Sviluppo e nuove opportunità per l’agricoltura. Si è parlato di questo nella sala di rappresentanza di “Palazzo Vivacqua”, a Luzzi, per iniziativa del locale circolo dei Giovani Democratici. Ad introdurre i lavori, moderati da Mario Piluso e conclusi dal consigliere regionale con delega all’agricoltura, Mauro D’Acri, è stato Mattia Lupinacci, segretario del circolo luzzese nonché responsabile provinciale agricoltura e sviluppo rurale dei GD Cosenza. Lupinacci ha rimarcato l’importanza di tali eventi che rappresentano l’attività principale dei Giovani Democratici finalizzata a garantire la crescita culturale e sociale della comunità. Per il giovane dirigente luzzese il PSR Calabria 201472020 rappresenta un’opportunità unica per la quale si ha il dovere di intervenire per promuovere la voglia di crescita dei giovani.

“La vera sfida inizia adesso, poiché i fondi destinati al Psr devono essere utilizzati tutti e al meglio, senza commettere gli stessi errori del passato. E’ giunto il momento - ha sottolineato Mattia Lupinacci - di dire basta alle illusioni che in Calabria si potrebbe vivere solo di agricoltura e turismo se solo i servizi funzionassero: è il momento di agire, è il momento giusto per far sì che questo accada veramente perché adesso abbiamo una Regione più vicina all'agricoltura. I fatti ed i numeri - ha posto ancora l’accento il segretario GD di Luzzi - dimostrano che nella nostra regione si è registrato un incremento dell'occupazione del +3,7% e una crescita del Pil dell'1%”. Sugli aspetti tecnici e politici si sono soffermati, invece, i segretari regionale e provinciale di GD, Mario Valente e Michele Rizzuti. E’ toccato al consigliere regionale Mauro D’Acri, quindi, fare il punto sul nuovo Psr Calabria 2014/2020 evidenziandone l’importanza proprio all’indomani della visita in Calabria del Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina. “La dotazione finanziaria del nuovo piano di sviluppo rurale - ha detto soddisfatto tra l’altro D’Acri - è come quella del Piemonte, con oltre un miliardo di euro”. Sottolineato anche il rapporto instaurato tra la regione Calabria e le istituzioni governative. Il consigliere regionale D’Acri, inoltre, ha ricordato l’impegno mirato a favorire la cooperazione tra le imprese, grazie alle apposite Misure finalizzate, appunto, all’aggregazione tra gli imprenditori.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners