"Situazione critica" all'ospedale di Castrovillari, missiva della minoranza a Lo Polito

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
"Situazione critica" all'ospedale di Castrovillari, missiva della minoranza a Lo Polito
Hostaria Antico Borgo

CASTROVILLARI - I Consiglieri delle Liste Civiche di “Solidarietà e Partecipazione” con una missiva inviata al sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, e al presidente del consiglio comunale Piero Vico, fanno una “Proposta di intervento su situazione critica Ospedale di Castrovillari”.
Nel documento si legge: «A giorni il Primario della Divisione di Chirurgia dell’Ospedale di Castrovillari andrà in ferie e successivamente, senza soluzione di continuità, in pensione. Come si svolgerà l’attività chirurgica in elezione e in urgenza presso l’Ospedale di Castrovillari? Nessuno sembra saperlo con certezza. E’ appena il caso di ricordare come il “problema Chirurgia” fosse stato segnalato da noi Consiglieri delle Liste Civiche di Solidarietà e Partecipazione in pieno Consiglio Comunale, con oltre un anno di anticipo. Invano. Inascoltati e addirittura derisi per gli “allarmismi” che facevamo.

Gli stessi “allarmismi” che lanciammo per l’Ortopedia, pur essi minimizzati e mai presi sul serio. Purtroppo, e sottolineiamo purtroppo, i fatti ci hanno dato tristemente ragione.
Stesso discorso per l’Oncologia, dove a giorni andrà in ferie prima e in pensione poi il Caposala, dopo che già una unità infermieristica è andata in pensione a maggio, senza essere stata ancora sostituita. Siamo al di sotto dei livelli di guardia in un ambito assistenziale estremamente delicato. Ma anche in questo caso, tutto tace.
Appare inutile poi ribadire le innumerevoli e ben note deficienze presenti in tutti i Reparti e Servizi dell’Ospedale di Castrovillari, denunciate ormai troppe volte e da troppo tempo da noi di “Solidarietà e Partecipazione”.  
La clamorosa assenza e il fragoroso silenzio dei Vertici dell’ASP non mortificano, irragionevolmente, solo l’Ospedale di Castrovillari, ma il diritto alla salute di un intero territorio.
A questo punto, dopo atti e atti deliberativi approvati all’unanimità in Consiglio comunale, atti in cui si minacciavano iniziative clamorose se non ci fosse stata un’inversione di rotta da parte dell’ASP di Cosenza, ci chiediamo di cosa ancora ci sia bisogno per dare un primo segnale forte come Civico Consesso.
E’ tempo di agire, è tempo di dare un primo segnale all’ASP -e ai Cittadini- che gli Amministratori della città di Castrovillari non sono disposti a sopportare oltre. Proponiamo pertanto che il prossimo Consiglio comunale, fissato per il 30 luglio p.v. si tenga presso la sede dell’ASP di Cosenza. Anche in strada, se fosse necessario.
Confidiamo che il Sindaco e il Presidente del Consiglio comunale mostrino la dovuta sensibilità, oltre che la coerenza politica con quanto più volte deliberato, e non si facciano sfuggire questa occasione di vicinanza e solidarietà con le popolazioni del territorio».

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners