Nuovo svincolo autostradale a Mormanno. La presentazione il 3 agosto In evidenza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Nuovo svincolo autostradale a Mormanno. La presentazione il 3 agosto

MORMANNO - Il 3 agosto presso il cine teatro comunale l’amministrazione guidata da Sindaco, Giuseppe Regina, insieme ad Anas e Parco Nazionale del Pollino illustrano il progetto pronto a diventare realtà
Sarà un’opera strategica per il Comune di Mormanno. Vicina al centro del borgo, così da diventare importante per canalizzare turisti e viaggiatori che percorrono la più grande arteria che collega il nord al Sud del Paese, potenzialmente utile per lo sviluppo economico visto che nascerà in piena area industriale. Il Sindaco Giuseppe Regina presenta così la attese e le speranze catalizzate verso il nuovo svincolo di Mormanno sul tratto autostradale della A2 del Mediterraneo.

Il progetto ormai definitivo è pronto a diventare realtà insieme a tutte le opere collaterali che porta con se e che punteranno alla valorizzazione della cultura, del paesaggio e del contesto urbano nelle vicinanze. In un evento in collaborazione con Anas e Parco Nazionale del Pollino il 3 agosto l’opera verrà illustrata alla cittadinanza con una serata dedicata in programma alle ore 18.00 presso il Cine teatro comunale di Mormanno.
Parteciperanno il Sindaco, Giuseppe Regina, insieme all’assessore alle infrastrutture, Giuseppe Fasano, l’assessore allo sviluppo economico, Paolo Pappaterra, e Domenico Armentano consigliere delegato alla cultura.
Giovanni Magarò, responsabile unico del procedimento di Anas illustrerà il progetto nel dettaglio del suo sviluppo tecnico e paesaggistico, mentre Mariano Bianchi, della soprintendenza della Calabria porterà il suo contributo nel corso della serata che sarà conclusa dal presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra.
L’opera ridisegnerà il volto della zona industriale in Zona San Pietro, dove ora sorge il campo base che ha accolto i lavoratori che si sono occupati dell'ammodernamento del tratto autostradale della A2 del Mediterrano. I tecnici di Anas nella elaborazione del progetto hanno tenuto conto anche delle  prescrizioni del Mibact ed in particolare di quelle che riguardano il consolidamento e recupero del “Ponte Salviera”, “dell’Edicola Votiva” datata 1919, dei “Ruderi della Centrale Idroelettrica”, dell’ex Stazione Ferroviaria di Papasidero, della mitigazione visiva del depuratore, del consolidamento e restauro del “Ponte dei Francesi” (XVI secolo), della Cappella Madonna della Libera, dei Ruderi dell’ex Mulino e del recupero dell’accesso e dell’intero percorso storico che dalle rive del Fiume Battendiero riconduce al borgo antico di Mormanno proprio perchè le opere di compensazione da realizzare attorno al nuovo svincolo preservino la natura dei luoghi nella loro identità storia e culturale che li connota.

0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners