Condanna a Pitella per gli incendi sul Pollino lucano

Condanna a Pitella per gli incendi sul Pollino lucano

POLLINO - (Comunicato stampa) «Nulla di buono sotto il solleone e alla sinistra luce di questi interminabili incendi che stanno divorando i nostri boschi e, assieme, ciò che restava (assai poco, in verità) della credibilità di chi dovrebbe tutelarli e proteggerli». Lo scrive il Forum “Stefano Gioia” delle Associazioni e Comitati calabresi e lucani per la Tutela della Legalità e del Territorio che aggiunge: «La vertenza della centrale del Mercure continua con sempre nuovi –negativi e inaccettabili-colpi di scena che, se non altro, hanno almeno il merito di far uscire allo scoperto -semmai ce ne fosse stato bisogno- il predatorio affarismo dell’ENEL e il cinico comportamento dei suoi amici e “compari”.

Infatti, mentre l’emergenza incendi imperversa e lo stesso Ente Parco Nazionale del Pollino non può fare a meno di avallare e fare propria la richiesta del rappresentante delle Associazioni ambientaliste in seno al Consiglio Direttivo dell’Ente -Ferdinando Laghi- di una moratoria sui tagli boschivi, presentata ai Governatori di Calabria e Basilicata, qual è la risposta del Presidente Pittella? La concessione all’ENEL, della possibilità di attingere alle biomasse lucane per alimentare il mostro del Mercure!, cosa finora inibita alla società elettrica. Senso dell’opportunità, zero! Senso dell’opportunismo, mille! Pittella, d’altra parte, non è sicuramente nuovo al supporto di chi vandalizza la terra lucana: da Fenice, alla val D’Agri, al Mercure, sempre in assoluta dissonanza con gli interessi e i diritti delle popolazioni della Basilicata. Ma la decisione di favorire, oggi, ad ogni costo, gli interessi dell’ENEL, in un periodo di così evidente criticità per il patrimonio boschivo lucano è davvero uno schiaffo inaccettabile e una decisione che mortifica e umilia chiunque abbia a cuore le sorti della Regione e che creda nel senso di servizio che la Politica –quella vera, sana, del tutto sconosciuta a Pittella- dovrebbe avere».

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners