Posizionato l'undicesimo defibrillatore a Morano In evidenza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Posizionato l'undicesimo defibrillatore a Morano

MORANO - Ampliata la rete di defibrillatori semiautomatici presenti nel territorio di Morano e legate al “Progetto Vita”. E’ stato installato, infatti, all’ingresso del chiostro di san Bernardino da Siena il presidio medico n. 11, donato tempo fa al Comune dall’azienda che gestisce il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti in loco.
Le procedure di utilizzo non differiscono dalle solite, illustrate nei vari percorsi formativi attivati negli anni. Quando una persona è colpita da fibrillazione ventricolare e conseguente arresto cardiocircolatorio, occorre allertare immediatamente l’emergenza sanitaria e fornire all’interlocutore del 118 informazioni dettagliate per localizzare il paziente. Bisogna quindi recarsi immediatamente alla postazione più vicina, prelevare il defibrillatore e procedere con l’applicazione delle placche al torace.

Sarà la macchina a riconoscere il tipo di aritmia e, se trattabile con la scarica, a suggerire lo shock. Ai medici il compito successivo di stabilizzare (si spera) la situazione.
Appare evidente, dunque, come molto si giochi sulla formazione e il coinvolgimento in essa di un numero di “operatori” sempre più elevato. La tempestività (entro 4/5 minuti dall’evento), la consapevolezza e la correttezza delle manovre da eseguire prima dell’arrivo dell’ambulanza, possono scongiurare esiti infausti. Purtroppo ciò si verifica solo nel 15% di casi: se si riuscisse ad aumentare questa percentuale a 50/60 si potrebbero salvare circa centomila persone l’anno.
Attualmente gran parte del centro urbano dispone del sistema salvavita, collocato in punti strategici e facilmente raggiungibili. Vale la pena richiamare l’elenco delle aree coperte: “Spogliatoio campo sportivo “G. Scorza”, Caserma Carabinieri, Stazione servizio Q8, Chiesa Sacra Famiglia – c.da Cerasali, Polizia Municipale, Farmacia Donadio, Guardia medica, Piazza Croce, Sede Gruppo Speleo del Pollino, Istituto Comprensivo – Plesso G. Scorza, Chiostro San Bernardino da Siena.
Soddisfazione hanno espresso il sindaco Nicolò De Bartolo e l’assessore Biagio Angelo Severino, referente per questa lodevole iniziativa. «Abbiamo raggiunto un ottimo livello di protezione del territorio», affermano i due amministratori moranesi. «Tuttavia non intendiamo fermarci, stiamo anzi valutando di estendere ulteriormente la rete e di intervenire ancora una volta sulla formazione. Nello specifico, è previsto un richiamo per quanti hanno già fruito di lezioni in passato e l’avvio di altri corsi per chi voglia conoscere le basi della rianimazione cardiopolmonare e imparare a utilizzare il defibrillatore. L’ultima sessione di apprendimento da noi promossa a beneficio dei ragazzi del locale Istituto Comprensivo (I, II e III media) dimostra come l’argomento interessi anche le nuove generazioni, nei confronti delle quali si è concentrata e si concentrerà ancora la nostra attenzione. La nostra riconoscenza agli infermieri Girolamo Angelini e Carlo Sartore, alla Società sportiva “Geppino Netti” per la loro efficace collaborazione e l’impegno mostrato nelle varie fasi di attuazione del programma. Grazie inoltre all’impresa titolare del servizio di raccolta rifiuti, per il nobile gesto con cui ha voluto omaggiare la nostra comunità. Naturalmente», concludono De Bartolo e Severino, «speriamo tutti che non debba mai esser necessario l’impiego dell’apparecchiatura, ma l’esperienza insegna che purtroppo può capitare. E allora conviene esser pronti e preparati. Perché in gioco c’è la vita».

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners