"LumenTango" incanta le sere d'estate di Cassano Jonio

CASSANO – Metti una sera d'estate tre artisti insieme, in un posto suggestivo quale può essere il Chiostro della Cattedrale di Cassano allo Jonio, con un pubblico attento che ascolta compiaciuto i suoni suadenti e caldi di un pianoforte e un synth che fanno da sfondo ad una voce brillante: lo spettacolo, dunque, è assicurato. Tutto questo e molto altro è stato l'evento “LumenTango” organizzato, nei giorni scorsi, dalla “LumenArtis Ensemble” coordinata dalla pianista Maria Gabriella Cerchiara e che ha visto la compartecipazione del soprano Loredana Madeo e dell'arrangiatore e pianista Flavio Tutino. Un trio che ha saputo ricostruire il senso del piacere attraverso un viaggio nei suoni del Tango, per uno spettacolo che ha regalato emozioni e forti vibrazioni.

Consegnato il Palazzetto dello Sport ad Altomonte. Presente il Vescovo Savino

ALTOMONTE - (Comunicato stampa) Domenica 26 febbraio 2017, alla presenza del Vescovo della Diocesi di Cassano Mons. Francesco Savino, del Sindaco di Altomonte Giuseppe Lateano, dell’Assessore allo Sport Michele Vitiritti, del Consigliere provinciale Vincenzo Tamburi, del responsabile della Federazione Italiana Tennis (FIT) regionale Giuseppe Lappano e di altre autorità civili e religiose, è stato consegnato alla Parroco della Parrocchia di Santa Maria della Consolazione Anatole Tshimanga Milambo, il Palazzetto dello Sport.

L'opera Culturale di Francesco Fusca in un convegno il prossimo 13 febbraio

SPEZZANO ALBANESE – Nell'ottica di continuare quel processo di moltiplicazione culturale avviato in Calabria e non solo, l'Istituto Comprensivo di Spezzano Albanese, diretto dalla Dirigente Rosina Costabile, ha organizzato, in sinergia con edizioni Expressiva, una giornata in memoria del compianto emerito Ispettore del Ministero IUR Francesco Fusca. Non un memorial ma un vero e proprio incontro che vuole ricordare Fusca nella sua opera Culturale, utilizzando il suo ultimo libro dal titolo “Scritti 2 – tra Pedagogia e Letteratura” (edizioni Expressiva), uscito qualche giorno dopo la prematura scomparsa dello stesso autore, avvenuta lo scorso 30 giugno.

Riaperta la Collegiata di Santa Maria Maddalena

MORANO – (Comunicato stampa) Con la liturgia della prima domenica di Avvento, mons Francesco Savino, vescovo della diocesi di Cassano Jonio, circondato dal clero moranese al gran completo, alla presenza del parroco don Gianni Di Luca, del sindaco Nicolò De Bartolo e del suo esecutivo, di una pletora di fedeli esultanti, accompagnato dai solenni rintocchi delle campane tornate a suonare dopo quattro interminabili anni di mesto silenzio determinato dalle ferite prodotte dal sisma del 26 ottobre 2012, ha restituito ieri sera alla comunità locale la chiesa di Santa Maria Maddalena, emergenza barocca di incalcolabile venustà, da secoli luogo di ristoro per le anime.

Approvata all'unanimità la Città del Sollievo

CASSANO JONIO – (Comunicato stampa) L’assemblea civica della città di Cassano All’Ionio, ha discusso e approvato all’unanimità, la “Richiesta da avanzare alla Fondazione “Gigi Ghirotti”, per il riconoscimento di Cassano All’Ionio, come “Città del Sollievo”, nonché di partecipare alle iniziative promosse dalla stessa e di impegnarsi a partecipare e coordinarsi per i progetti che la Fondazione “Gigi Ghirotti”, con sede nella Capitale, programmerà in futuro, e a seguire, il “Conferimento della “Cittadinanza Onoraria” a Fabrizio Barca”, già ministro della Repubblica Italiana.

Monsignor Savino ricorda la visita del papa del 2014

CASSANO – (Comunicato stampa) Due anni fa, il 21 giugno 2014, Papa Francesco si recava in visita pastorale nella Diocesi di Cassano all’Jonio. Il Vescovo di Cassano all’Jonio, mons. Francesco Savino, ricorda quell’indimenticabile giornata chiedendo - come fatto già nel primo anniversario della visita - di fare memoria delle sue parole.

Premiati i vincitori del concorso dedicato ad Antonio Natale Di Chiara

MORANO – (Comunicato stampa) Ancora riflettori accesi sull’ambiente. Dopo il successo della giornata ecologica promossa nei giorni scorsi dall’Amministrazione comunale, ieri, presso l’auditorium, in un clima di gaudio collettivo, manifestazione finale del progetto: “I boschi di Morano – I edizione premio Antonio Natale Di Chiara”, patrocinato dalla municipalità moranese.
Alla presenza della promotrice dell’iniziativa, Concettina Di Chiara, del sindaco Nicolò De Bartolo, del vescovo della diocesi di Cassano Jonio, Francesco Savino, del presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, del Coordinatore del Corpo Forestale dello Stato, Vincenzo Perrone, del dirigente scolastico del locale Istituto Comprensivo, Walter Bellizzi, della guida naturalistica Antonello Parrilla, sono stati consegnati i riconoscimenti agli studenti risultati vincitori del concorso.

Quando i processi di cambiamento partono da preti coraggiosi

Ci sono posti, nel mondo, geograficamente “sperduti” eppure pieni di vita. Una vita propulsiva che genera coscienze forti, capaci di cambiare il corso delle cose e, a volte, il Mondo. La storia ci insegna come i grandi cambiamenti abbiano avuto origine da processi lenti ma costanti, che tanto ricordano l'antica melodia latina del “gutta cavat lapidem”. E così, l'umanità, attraverso il flusso del suo tempo, ha scritto pagine di storia che, da sempre, vengono studiate sui banchi di scuola. E spesso (ma non sempre) la penna che imprime l'inchiostro sulla carta del tempo è tenuta in mano da “maledetti inconsapevoli”, incapaci di immaginare le ripercussioni future di certe azioni (negative o positive che siano). A volte accade anche che «Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa» (Albert Einstein) con tutto quanto ne consegue. Ad averne di tali sprovveduti per cambiare seriamente le cose, ma non è facile! C'è, però, da un anno a questa parte, qualcosa che, in tal senso, si muove con coraggiosa sfrontatezza.

Presentate a Castrovillari dal vescovo Savino le opere di Misericordia

CASTROVILLARI - Un sogno che diventa realtà, per dare speranza e assumersi fino in fondo la responsabilità di cristiani che incarnano il Vangelo. Mons. Francesco Savino, Vescovo di Cassano all’Jonio, inaugura il cantiere che tra 6-9 mesi darà vita alla prima di sette opere segno della Misericordia presso l’ex convitto vescovile di Castrovillari: una struttura oggi fatiscente, sebbene ancora custode della memoria di generazioni di studenti passate per l’immobile sito in centro, di fianco la Chiesa dei Sacri Cuori, dagli anni ’50 sino agli anni Ottanta, che ritornerà a vivere ospitando un polifunzionale socio-assistenziale. Si partirà col “dopo di noi”, che porterà il nome di Isacco, il figlio impossibile di Abramo e Sara che incarna bene come la speranza sia figlia dell’impossibilità - ha detto mons. Savino - per cui anche ciò che sembra impossibile è possibile.

Giubileo della Misericordia, a Castrovillari nasce un’opera segno

CASTROVILLARI - Sabato 14 maggio, alle ore 11, nel salone parrocchiale dei Sacri Cuori di Castrovillari, il Vescovo di Cassano all’Jonio, mons. Francesco Savino, presenterà la Fondazione di Comunità onlus “Casa della Misericordia” e il suo primo segno concreto: “il dopo di noi” che sorgerà, appena terminati i lavori che saranno consegnati nell’occasione, nell’ex Convitto vescovile di Castrovillari.
La Fondazione di Comunità “Casa della Misericordia”, frutto dell’incontro tra la Fondazione “Rovitti” e il Seminario Diocesano, costituita il 3 dicembre scorso per volere di mons. Savino è essa stessa un segno concreto del Giubileo Straordinario della Misericordia. Mira a promuovere la libertà personale e sociale per il bene comune. Intende avviare servizi socio-sanitari a vantaggio delle persone più fragili integrando offerte lavorative con pratiche gratuite di volontariato.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners