Un musical interpretato dai migranti per raccontare la propria esperienza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Un musical interpretato dai migranti per raccontare la propria esperienza

AMENDOLARA – Lo scorso 31 ottobre, in occasione del II anniversario del C.A.S. Hotel Enotria di Amendolara e dei tre anni dello SPRAR di Civita, i ragazzi del centro, in collaborazione con il Comune di Amendolara, si sono esibiti in un musical riguardo la loro esperienza in mare. A moderare la serata il giornalista Rocco Gentile (Gazzetta del Sud) che ha invitato ad intervenire sul palco le rappresentanze del Comune di Amendolara e Civita.

Come ha sottolineato il Sindaco di Amendolara Antonio Ciminelli, il ruolo che stanno svolgendo gli operatori del CAS e la popolazione di Amendolara è una parte fondamentale in termini di accoglienza. Il prezioso intervento della Direttrice del CAS - Hotel Enotria Carmen Luceri ha chiarito a livello statistico quelli che sono i numeri degli ospiti nella cittadina amendolarese: uomini, donne, minori e nuclei familiari in attesa di nuova destinazione, il tutto contornato dalla nascita di due bambini, parti curati dalla Dott.ssa Vitelli e dal suo team che offre alle donne del centro assistenza e sostegno. Come ha evidenziato Stefano Cervone, coordinatore della Senis Hospes (società cooperativa sociale), è molto forte l’affetto, le emozioni e le soddisfazioni ricevute grazie ai suoi ragazzi.
A rompere il ghiaccio è stato Ibrahim, ospite dello SPRAR di Civita che ha riportato la sua delicata esperienza di viaggio dalla sua terra all’Italia in una lettera letta davanti al pubblico attento e commosso. Il musical “Quando io ero bambino - Storie di terre e sentieri di mare” preparato dai ragazzi del centro è stato interamente cantato, ballato e recitato dai migranti sotto la direzione del Maestro Pasqualino Mitidieri e del suo gruppo musicale Makramè, sensibile da anni alle tematiche sociali del territorio. All’interno dell’Auditorium sito in Amendolara Paese è stata allestita un’intera zona dedicata alla fotografia con il suggestivo “Albatros” di Rocco Leonetti, dalle foto dei beneficiari SPRAR Civita e da personalissimi dipinti dell’artista Fallou Batik.
Nel corso della serata è stato distribuito un simpatico gadget realizzato interamente dai ragazzi del centro CAS insieme alla prima uscita della rivista “CAS AMENDOLARA” e all’opuscolo dello SPRAR CIVITA. In conclusione non sono mancati i festeggiamenti con sapori tradizionali africani e torta di compleanno.

0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners