Successo del raduno dei vespisti a Rossano

Successo del raduno dei vespisti a Rossano

ROSSANO - Successo per il raduno nazionale dei vespisti nella città del Codex. Il quarto, a cadenza biennale, a Rossano. L'evento, come al solito, è stato organizzato, nei mini dettagli, dal Vespa Club Rossano, diretto dal sempre valido ed infaticabile Presidente Francesco Arci, che è nato nel 2010 e che, ad oggi, conta circa 60 soci con una piccola delegazione di iscritti di Terranova da Sibari e Santa Caterina Albanese (Cs). Circa 300 i vespisti che hanno preso parte all'evento in città. Un carosello di moto, per le vie cittadine, che entusiasmato turisti e residenti. In mattinata, dopo l'iscrizione dei partecipanti e il raduno in Piazza Anfiteatro sul nuovo lungomare di Lido Sant'Angelo, si sono vissuti momenti di divertimento con l'animazione live di Emanuele Magno & Company. In seguito, poi, si è dato vita al consueto giro turistico, subito dopo la colazione, con arrivo nell'incantevole e suggestivo centro storico bizantino.

I numerosi partecipanti, dopo aver parcheggiato le moto, hanno visitato la Cattedrale dedicata a Maria SS. Achiropita dove, per l'occasione, hanno ricevuto la benedizione del parroco don Tonino Longobucco. I tanti vespisti, subito dopo la visita in Cattedrale, hanno raggiunto la centralissima Piazza Steri per l'aperitivo offerto, con bevande e buffet salato (con cartoni di pizze, rustici di ogni tipo, golini, arancini ed altro ancora), a cura della pizzeria-rosticceria "Likné" di Gennaro Lefosse con sede in Rossano centro. La lunga carovana, poi, ha raggiunto, in sella alle proprie moto, la Masseria Mazzei per il pranzo sociale. Qui si sono vissuti momenti di animazione live e divertimento, grazie all'eccellente intrattenimento musicale di Giovanni Romano Show (artista eccentrico e poliedrico), ma anche alla premiazione, con coppe, al vespista più anziano, al Vespa Club più distante e al Vespa Club più numeroso. Soddisfatto, in modo particolare, il presidente del Vespa Club Rossano, Francesco Arci, che, al termine del pranzo e subito dopo il fatidico taglio della torta, ha voluto ringraziare, pubblicamente, quanti hanno preso parte al raduno nazionale nella città del Codex, l'Amministrazione comunale di Rossano per il prezioso patrocinio, oltre l'assessore al turismo Aldo Zagarese per la piena disponibilità, i numerosi sponsor, la Polizia Municipale, la Polizia di Stato, l'intero staff dell'Associazione Nazionale Polizia di Stato per aver garantito il servizio d'ordine lungo tutto il percorso cittadino, i volontari della Croce Rossa Italiana (Comitato Locale di Rossano) per aver garantito il servizio di assistenza sanitaria durante la manifestazione e, infine, la Pro Loco Rossano. Un plauso, inoltre, al responsabile della comunicazione e dei rapporti con i mass-media, il reporter freelance Antonio Le Fosse, e all'intero direttivo del Vespa Club Rossano per l'ottimo lavoro. Questo è formato da: Francesco Arci (Presidente), Raffaele Apuzzo (Vice-Presidente), Fabio Scorpaniti (Segretario), Roberto Caravetta (Revisore dei Conti), Arci Leonardo (Consigliere), Michele Tagliaferro (Consigliere), Antonio Zangaro (Consigliere), Alfonso Fontanella, Antonio Aurilia, Pasqualino Zangaro, Giuseppe Vincenzo Forciniti, Luigi Bennardo, Giuseppe Tagliaferro, Giovanni Lavecchia, Mattia Sommario, Alessio Linardi, Raffaele Abenante, Francesco Saverio Ardito, Antonio Romano, Domenico Longobucco, Antonio Sciarrotta, Leonardo Montalto, Giuseppe Morelli, Leonardo Console, Fabio Scorpaniti. Complimenti a tutti per l'ottima organizzazione, oltre alla straordinaria accoglienza riservata ai numerosi vespisti che hanno raggiunto Rossano, in cui si è vissuta una giornata all'insegna dell'amicizia e del divertimento, in cui non sono mancati, tra l'altro, momenti di confronto e di piena aggregazione fra tutti i partecipanti al raduno nazionale riservato ai veri appassionato della mitica Vespa Piaggio. Un appuntamento riuscito, nonostante i capricci delle condizioni atmosferiche nella mattinata di domenica, che ha entusiasmato quanti hanno preso parte all'evento in città. Un'occasione, dunque, che è servita anche a promuovere il marketing territoriale facendo ammirare il ricco patrimonio artistico e non solo, tra bellezze naturali e paesaggistiche, ai numerosi vespisti provenienti da diverse regioni italiane.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners