Imprenditori turistici della Sibaritide incontrano Oliverio per il rilancio del territorio

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Imprenditori turistici della Sibaritide incontrano Oliverio per il rilancio del territorio

CORIGLIANO CALABRO – (Comunicato stampa) Giorni addietro tra gli uliveti della Casacchella, splendido agriturismo sito a Corigliano Calabro, si è svolto un incontro degli operatori e imprenditori turistici della Sibarite alla presenza del Presidente della Regione Calabria on. Mario Oliverio, del direttore generale del Dipartimento Turistico Pasquale Anastasi, altresì alla presenza del Consigliere Regionale On. Orlandino Greco e del delegato alla Sanità Franco Pacenza.
A coordinare i lavori è stato il Pres. Onorario del Cotaj Prof. Antonio De Septis, coadiuvato dall’Attuale Presidente Natale Falsetta che ha aperto i lavori e ha relazionato sulle esigenze della zona di Sibari mettendo in evidenza potenzialità e criticità. Si è marcato molto sull’esigenza di non concentrare tutto sul mare ma che risulta necessario aprirsi alla prospettiva di valorizzare tutto il territorio.

Il rilancio della Sibaritide non è quindi solo mare ma è cultura, beni archeologici, tradizione gastronomica e una rete di collegamento all’evento Matera 2019 che veste la città protagonista di tantissimi eventi nei prossimi anni.
Questo chiaramente sposta lo sguardo ai disastri delle infrastrutture che ci circondano e rendono problematico l’arrivo nelle nostre zone.
Si è gettata luce sull’idea di creare degli eventi a respiro nazionale, magari con grandi nomi dello spettacolo e della cultura, per coprire di nuova vita la Calabria e in special modo la zona di Sibari che è troppo poco conosciuta.
L’Ing. Santarcangelo ha illustrato al Pres. Oliverio il progetto Magna Graecia che vede coinvolte anche le vicine regioni della Basilicata e Puglia, e che è stato già depositato al Dipartimento Turistico di competenza.
A seguire il Presidente della Rete Italia Jonica, Antonello De Santis, che ha concentrato il suo intervento sul Protocollo di Intesa e la Rete Italia Jonica che ancora vede coinvolte le nostre regioni limitrofe, illustrando i futuri piani di sviluppo per cui l’Europa ci indica la direttiva cui adeguarsi.
Questi progetti hanno un ampio respiro e mirano a traguardi più importanti, indicando Matera 2019 quale possibile ponte di collegamento per il rilancio di tutta la zona.
Gli imprenditori dei trasporti Antonio Tedesco e Gennaro Scura hanno presentato i futuri progetti che riguardano gli spostamenti soprattutto su gomma e i collegamenti con l’aeroporto di Lamezia.
Enzo Barbieri e Franco Falcone, indiscussi maestri della nostra gastronomia, hanno proposto come si può partire dal cibo, dal vino e dai prodotti della locali e della buona cucina per un percorso di rilancio del territorio.
La gastronomia, argomento molto in auge in questi tempi televisivi, può davvero essere un trampolino di lancio, forse potrebbe essere il punto principale di un percorso che coinvolge la vita millenaria enogastronomica della nostra zona.
L’imprenditore Motta ha spostato l’attenzione sulle criticità dei lunghi tempi burocratici per le elaborazioni dei POR. Le aziende dovrebbero essere in un certo senso aiutate per semplificare il più possibile i percorsi di richieste e di finanziamenti a tutte le aziende al fine di migliorare anche i rapporti fra ente e utenza, per un rapporto più facile nella gestione delle ristrutturazioni, delle promozioni dell’azienda e dare la possibilità ad esse di far seguire corsi di perfezionamento e riqualificazione del personale nel campo linguistico, della ristorazione, nel settore ricevimento. Si avverte l’esperienza di creare un tavolo di lavoro dove tutti i responsabili di settori, alla presenza anche dei sindaci che sono i primi “responsabili” dei comuni con vocazione turistica, si possono direttamente incontrare con il dipartimento al fine di ottimizzare la conoscenza delle problematiche e sviluppare proposte e progetti di miglioramento di cui in questa sede si sta tanto parlando.
L’esigenza di questo tavolo di lavoro è riemerso nel discorso conclusivo del Pres. Falsetta che ne ha nuovamente sottolineato l’importanza e l’urgente necessità per partire davvero con il rinnovamento della Sibaritide.
L’Ing. Luigi Soave ha concentrato il suo intervento interamente sulla riqualificazione della zona di Sibari e di tutta la Calabria e di un suo rilancio con l’idea di creare un evento importante per portare nelle case degli Italiani e d’Europa la grandezza storico / archeologica / culturale di Sibari. Abbiamo concentrato anni di pubblicità e di attenzioni esclusivamente sul mare dimenticando un entroterra che è ricco di tesori e di storia, che ci può dare possibilità di incrementare le presenze turistiche lungo il corso dell’intero anno. Si potrebbe coinvolgere un personaggio dello spettacolo e far narrare le vicende storiche di una città che è stata fondata molto prima di Roma, come ad esempio ha fatto Roberto Benigni con la Divina Commedia e i 10 Comandamenti. Dobbiamo volare alto e investire su grandi progetti per far crescere davvero la Calabria come merita!
Si ricollega al progetto Magna Grecia con la programmazione di grandi eventi promozionali suggeriti dall’Ing. Soave, anche il Presidente del Parco del Pollino Mimmo Pappaterra che ha sottolineato ancora l’importanza di far crescere la rete in sinergia con la Basilicata e la Puglia.
Ha messo in chiaro cosa può davvero essere per noi la grande opportunità di allinearci ai programmi materani e crescere in virtù di questo grande progetto che culminerà nel 2019, vista la favorevole posizione di vicinanza fra la nostra zona e Matera.
Il Presidente Falsetta a conclusione ha ringraziato tutti i presenti sottolineando l’importanza di questo incontro e la speranza che porti presto i frutti sperati.
La parola ora è passata al Consigliere Orlandino Greco che ha condiviso gli interventi precedenti rendendo noto che alcuni provvedimenti sulle questioni rilevate sono già passate alle commissioni di competenza. Ha condiviso il rilancio della Regione e della Sibarite, annunciando anche il grande progetto di costruire campi da golf che appare una validissima opportunità di lavoro per il territorio e vede coinvolte le attività per tutto l’anno.
Il direttore generale del Dipartimento Pasquale Anastasi da condiviso il Dip. Turistico ha condiviso tutti gli interventi anche perché conosce le problematiche del settore.
Ha annunciato che la semplificazione dei POR richiesti negli interventi precedenti rispetto a qualche tempo fa, è stata snellita quindi ciò lascia ben sperare e apre prospettive a grandi miglioramenti.
Si è detto pienamente d’accordo sulla prospettiva di rilancio con la programmazione di grandi eventi che potrebbero essere la vera attrazione da sfruttare in questo momento di forte coinvolgimento mediatico; ha mostrato tutta la sua solidarietà e si è detto pronto a collaborare affinché tutte le richieste emerse in questo incontro possano essere soddisfatte nel miglior modo possibile.
Il Presidente Oliverio ha concluso ad ampio raggio toccando brevemente tutti i punti emersi nell’incontro: partendo dal problema delle infrastrutture sia per quel che riguarda i trasporti su rotaie e la mobilità interna per la quale si è già avviata la programmazione.
Ha rimarcato la centralità della nostra gastronomia che è sicuramente un punto di forza della nostra terra. Ha condiviso mostrandosi compiaciuto dell’idea di programmare grandi eventi che susciteranno certamente l’interesse verso questa nostra Regione ancora troppo sconosciuta, ritenendo che è un’opportunità imperdibile quella di collegarsi all’evento Matera creando perciò eventi condivisibili vista la vicinanza geografica con la Sibaritide.
Si è mostrato interessato al tavolo di lavoro che vede coinvolti i Sindaci che ha richiamato ai propri doveri di referenti primari della zona e primi veri interlocutori. Riguardo alla Rete Italia Jonica si è mostrato molto interessato rimandando ad uno studio più approfondito di questo collegamento con le regioni limitrofe creando un aggancio ed un ampliamento dei servizi offerti, portando avanti il progetto Magna Graecia che vede legati dallo stesso filo conduttore la storia e la cultura di Calabria, Basilicata e Puglia. Questo determinerà una ovvia rivisitazione e quindi il completamento della viabilità soprattutto della 106 e della via ferroviaria. Nei prossimi giorni si incontreranno per discutere di ciò a Tropea.

0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners