Serra rilancia "Spezzano in movimento": "Saremo attivi fra la gente"

SPEZZANO ALBANESE - Riparte il Progetto “Spezzano in Movimento” che riapre le porte alla società civile. Inizia con una serie di riunioni il cammino del gruppo guidato da Luigi Serra, consigliere di opposizione e già candidato a sindaco per lo stesso gruppo nell'ultima finestra elettorale di Spezzano Albanese. Idee chiare e volontà di scendere fra la gente per dare continuità a un progetto che ha detto la sua durante l'ultima campagna elettorale. Dal canto suo il leader del gruppo riconosce gli alti e i bassi dettati dalla vita politica locale ma sottolinea le proprie azioni, in questi tre anni di amministrazione Nociti, ricordando le interpellanze, gli emendamenti e gli atti fatti da consigliere di opposizione.

La questione Terme riemerge in sede di assestamento di Bilancio

SPEZZANO ALBANESE - Il consiglio comunale vertente sull’assestamento di bilancio tenutosi mercoledì pomeriggio a Spezzano Albanese ha fornito lo spunto per riaprire la diatriba sull’annosa questione delle Terme.  Il dibattito sulla gestione della struttura, i canoni arretrati, i rapporti legali aperti per risolvere la faccenda tra la società che gestisce le Terme e il Comune sembrava avesse imboccato la strada del “disinteresse” da parte della comunità arbëreshe – come del resto conferma il fatto che la sala consiliare mercoledì fosse deserta durante l’assise – ma, evidentemente, così non la pensano i membri della minoranza, agguerrita nel richiedere spiegazioni proprio su una voce nell’assestamento di bilancio in cui si menziona un introito di 100mila euro derivante dal rapporto con le Terme.

Approvato il Bilancio a Spezzano con il voto "di incoraggiamento" di Serra

SPEZZANO ALBANESE – È stato approvato coi voti della maggioranza più quello “di incoraggiamento” del consigliere di opposizione Luigi Serra, il Bilancio di Previsione del comune di Spezzano Albanese. Astenuti, invece, Alfonso Guido e Fernando Iannuzzi che, tuttavia, non hanno avuto molto da ridire sul documento contabile. Così, in un clima di pacatezza totale, dove le agguerrite arringhe sono divenute ormai un ricordo lontano, l'assise, tenutasi ieri sera fino alle 20.30, si è confrontata su quello che sarà il piano di intervento per il paese e le azioni che dovranno compiersi. Fondamentale per il “sì” di Serra è stato l'accoglimento della maggioranza all'emendamento presentato per monitorare la rete idrica attraverso l'affidamento ad una società specializzata nel settore, al fine di “creare le basi affinché si abbia la consapevolezza di quali siano le cause che determinano periodicamente la non potabilità dell'acqua e debellare, quindi, definitivamente l'annoso problema per la salvaguardia della salute pubblica”.

Convocato il Consiglio Comunale a Spezzano Albanese per il prossimo 30 aprile

SPEZZANO ALBANESE – È stato convocato questo pomeriggio il prossimo consiglio comunale a Spezzano Albanese che si terrà sabato 30 aprile alle ore 17.30 presso la Sala Consiliare. Una convocazione che, secondo indiscrezioni, sarebbe scaturita a seguito di una riunione di giunta tenutasi questa mattina da cui sarebbe emersa la necessità di anticipare di una settimana per “probabili scadenze”. Al di là del gossip, comunque, resta chiara la repentina manovra di convocazione che, a quanto pare, avrebbe dato noia a qualche consigliere di minoranza che, non è escluso, potrebbe chieder conto di questa decisione.

Serra scrive due interpellanze su acqua e terme di Spezzano

SPEZZANO ALBANESE – Il dibattito politico torna ad animarsi a Spezzano Albanese dopo un lungo periodo di silenzio. A riaccendere gli animi è il consigliere di minoranza Luigi Serra, capogruppo di “Spezzano in Movimento” il quale, considerata la “particolarissima situazione” in cui la cittadina si trova, ha deciso di presentare nei giorni scorsi due interpellanze: una sulla situazione delle Terme e una sulla potabilità dell'acqua. «La gente -afferma Serra- vive quotidianamente dei disagi che, palesemente, sono sotto gli occhi di tutti. Si pensi alle strade dissestate, alle discariche a cielo aperto in vari siti, alla mancanza di interazione sociale, all'assenza di dibattito politico, e così via.

Acqua non potabile a Spezzano, un cittadino dà mandato ad un legale

SPEZZANO ALBANESE – Il problema dell'acqua potabile torna a interessare la cittadina di Spezzano Albanese. È di ieri, infatti, l'ordinanza firmata dal sindaco Ferdinando Nociti che impone il divieto di utilizzo dell'acqua potabile per consumo umano ed alimentare in tutto il territorio del comune di Spezzano Albanese ad esclusione dello Scalo e delle Terme cittadini. Nel documento si legge come l'acqua possa essere utilizzata “solo per scopi domestici e pulizia personale (tranne il lavarsi i denti), e ad uso potabile dopo bollitura di almeno dieci minuti”.

Acqua, spazzatura e Terme nella disamina di Serra per Spezzano Albanese

SPEZZANO ALBANESE – È un fiume in piena Luigi Serra, consigliere comunale del gruppo di minoranza “Spezzano in movimento”, che dopo diversi mesi di silenzio torna a far sentire la propria voce additando l'attuale maggioranza guidata dal sindaco Ferdinando Nociti su alcune problematiche importanti quali spazzatura, potabilità dell'acqua e questione Terme. In primis in tema ambientale Serra afferma: «Nonostante siamo ancora in regime di prorogatio sulla spazzatura, il cui servizio sarebbe dovuto partire il 1 gennaio 2016 ma il bando è stato sbagliato, questa amministrazione ha fatto del suo cavallo di battaglia la questione ambientale». E aggiunge: «Sorvolo sui disservizi in paese, ma c'è un fatto grave che è quello che ancora oggi non c'è la certezza della potabilità dell'acqua. In effetti -spiega-, alcune zone hanno avuto per quasi tutta l'estate l'ordinanza di non potabilità.

Luigi Serra rompe il silenzio: "Debiti e tariffe alle stelle devono farci indignare"

SPEZZANO ALBANESE – Non sono passati ancora due anni dall'ultima tornata elettorale a Spezzano Albanese ma, delle otto liste scese in campo per la competizione ormai nessuna traccia. Del resto i consigli comunali nella cittadina arbëreshe parlano chiaro: giusti quelli necessari e senza nemmeno un grande contraddittorio. E se da un lato il paese appare come un'isola felice, dall'altro c'è chi raccoglie a quattro mani il coraggio di venir fuori da solo, senza il supporto dei colleghi consiglieri della minoranza, e di dire la sua in merito ad alcune problematiche che il paese, sotto sotto, presenta. A parlare è Luigi Serra che, dopo mesi di silenzio, riaccende i riflettori su un dibattito politico spento e ormai sepolto. Lo stesso Serra è critico nei confronti della politica e dice che “in generale ha stufato le persone”.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners