Inaugurata a Mottafollone la Casa di riposo Sant'Antonio Abate In evidenza

  • Presenti il Governatore Oliverio, la deputata Bruno Bossio e il presidente dell'Ente Parco Pollino Pappaterra
0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Il taglio del nastro alla struttura Il taglio del nastro alla struttura

MOTTAFOLLONE - Una nuova residenza per gli anziani della Valle dell’Esaro, per dare la giusta assistenza alle persone ma anche per offrire opportunità di lavoro. È nata con questi intenti la casa di riposo “Sant’Antonio Abate”. L’ha inaugurata e benedetta il Vescovo della Diocesi di San Marco – Scalea, monsignor Leonardo Bonanno, che ha tagliato il nastro insieme al Governatore della Calabria Mario Oliverio, di fronte a numerose autorità civili, religiose, militari ed a tanti cittadini.

Il presule, nel corso della benedizione, ha ricordato le parole di Papa Francesco, quando invoca «per gli anziani non solo la doverosa attenzione medica ma soprattutto la tenerezza, quel gesto d’amore che può sicuramente può lenire i problemi di chi soffre». Per questo c’è l’importante assistenza spirituale del parroco don Francesco Cozzitorto, che era presente al fianco del pastore diocesano. Aperta grazie al forte impulso dell’amministrazione -guidata dal sindaco Romeo Basile, che ha recuperato un immobile costruito sotto la Giunta guidata da Michele Bruno, e affidata all’imprenditore Domenico Barbieri che ne cura in modo amorevole la gestione, la struttura ha avuto l’ottimo plauso del presidente Oliverio che ha detto: «Quanto sia importante recuperare le strutture dopo anni d’abbandono ed incuria". Intervenuti, alla presenza di tanti sindaci del comprensorio, anche il presidente del Parco Nazionale del Pollino Domenico Pappaterra e la deputata Enza Bruno Bossio. «È una bellissima struttura – ha proseguito Oliverio – che meritava di essere portata ad attività e di questo va dato merito all’amministrazione ed al suo sindaco. Stiamo lavorando molto - ha aggiunto - perché tantissime strutture come questa, realizzate e abbandonate, vengano recuperate portandole a compimento». Il sindaco Basile, in una giornata storica, ha poi “snocciolato” tutte le opere ed i finanziamenti a cui l’Ente ha attinto in questi quattro anni d’amministrazione.  A tale proposito, Oliverio, che alla fine ha visitato la struttura incontrando operatori ed ospiti che vi soggiornano, ha concluso: «Puntiamo allo sviluppo sostenibile ed in questa ottica l'area dell'Esaro è davvero importante». 

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners