Fagnano, rigettato il ricorso al Tar del candidato a sindaco Brusco

FAGNANO CASTELLO  - Le elezioni amministrative tenutesi lo scorso 11 giugno sono valide. Così ha deciso la Prima sezione del Tribunale Amministrativo Regionale, con la sentenza n. 1524 relativa al ricorso elettorale n. 775 appena discusso e che vedeva contrapposti l’ex primo cittadino Luigi Rinaldo Brusco, candidato di “Uniti per Fagnano” (soccombente di 88 voti) e appunto il Comune fagnanese. Il ricorso puntava «all'annullamento del verbale e del relativo estratto delle operazioni dell’adunanza dei presidenti delle sezioni per la proclamazione degli eletti, nonché di tutti gli atti preordinati e connessi per l’elezione diretta del sindaco e del Consiglio comunale; dei verbali delle operazioni degli Uffici elettorali di tutte le sezioni e la conseguente ripetizione delle operazioni di voto». La decisione è arrivata dai magistrati Vincenzo Salamone (presidente), Francesco Tallaro, (referendario, estensore) e Raffaele Tuccillo (referendario), riuniti lo scorso 11 ottobre in Camera di Consiglio. Secondo i giudici del Tar «il ricorso non può trovare accoglimento» e gli stessi pronunciandosi definitivamente l’hanno rigettato condannando i ricorrenti (Brusco e altri cinque firmatari), in solido tra loro, alla rifusione, in favore del Comune in persona del sindaco in carica, delle spese e competenze di lite stabilite in euro 2.500 oltre i rimborsi. La sentenza dovrà essere eseguita dall'autorità amministrativa. Il Comune, nella persona del sindaco in carica Giulio Tarsitano, è stato rappresentato e difeso dall’avvocato Oreste Morcavallo che ha prodotto opposizione al ricorso presentato. L’ex sindaco Brusco, ora tra i banchi dell’opposizione, e gli altri ricorrenti sono stati invece rappresentati e difesi dall'avvocato Valerio Zicaro, e domiciliati presso lo studio dell’avvocato Francesco Pullano di Catanzaro. Soddisfazione, ovviamente, per l’Amministrazione in carica che tramite il sindaco Giulio Tarsitano ha ringraziato «l’avvocato Morcavallo per la professionalità dimostrata e che ha fatto emergere quella giustizia nella quale c’è stata sempre ampia fiducia, difendendo gli interessi di chi continua ad amministrare la nostra cittadina». In buona sostanza, sebbene l’amministrazione resistente aveva dedotto l’inammissibilità - per numerose altre ragioni - del ricorso, il Collegio del Tar ha ritenuto di poter direttamente esaminare le questioni di merito che «si sono rivelate infondate, poiché le pur minime irregolarità verificatesi sui verbali non hanno inficiato l’esito finale della competizione elettorale».



Tarsitano nomina la nuova Giunta con due donne. Consiglio il 30 giugno

FAGNANO CASTELLO - In attesa del primo consiglio della nuova consiliatura, che dovrebbe essere convocato per il prossimo 30 giugno, il rieletto sindaco Giulio Tarsitano ha nominato l’Esecutivo del prossimo quinquennio amministrativo. Sarà a cinque, primo cittadino compreso, e – per la prima volta – vedrà la presenza di due donne. Confermato il vice sindaco, nella persona di Raffaele Giglio, che avrà anche le deleghe per Lavori pubblici, Urbanistica ed Affari legali; Oreste Amendola, invece, sarà assessore per i settori di Agricoltura e foreste, Protezione civile e Cimitero; Cristina Aloia, già consigliere nella passata legislatura, si occuperà di Politiche sociali, Pari opportunità e Sanità; infine, Anna Maria Tarsitano, esordiente in questo ruolo, sarà assessore alla Cultura, Pubblica istruzione e Politiche del lavoro.

A Fagnano Tarsitano viene riconfermato sindaco con 88 voti di scarto su Brusco

FAGNANO CASTELLO - Ha rivinto Giulio Tarsitano che è stato rieletto sindaco, ma – a ragion veduta – c’è anche un altro partito che ha prevalso: quello dell’astensionismo. Infatti, con il 52,50% Fagnano è stato il centro del cosentino con l’affluenza più bassa alle urne. Circa otto punti in meno rispetto al 60,32% del 2012 quando votarono 2.792 degli aventi diritto. Stavolta hanno espresso il loro consenso 2.562 elettori sui 4.880 iscritti compresi quelli dell’Aire (Anagrafe italiani residenti estero). Dei 2.514 voti validi, il 51,75% (1.301) è andato a “Fagnano positiva” la lista capeggiata dall’uscente Tarsitano che è stato così riconfermato per il prossimo quinquennio.

Ex Saub, ricorso al Consiglio di Stato da parte del sindaco

FAGNANO CASTELLO - «Nessuno canti vittoria sulla questione ex Saub, perché l'ultima parola spetta al Consiglio di Stato». Detto, fatto. La recente affermazione del sindaco Giulio Tarsitano è stata tramutata in atti con l’incarico che la Giunta municipale, presente al completo nella seduta, ha conferito all’avvocato Le Pera del foro di Cosenza. Sarà appellata, quindi, la sentenza 151/2017 del Tar Calabria di Catanzaro con la quale è stato annullato il provvedimento ex art. 42 bis Dpr 327/2001 d’acquisizione al patrimonio comunale dell’area di Via Cesare Battisti dove è stato realizzato l’immobile “ex Saub”, d’attuale proprietà dell’Asp di Cosenza, concesso in comodato d’uso al Comune di Fagnano Castello nell’anno 2003.

Apre a Fagnano una sezione della Fidas

FAGNANO CASTELLO – (Comunicato stampa) Anche Fagnano Castello ha la propria sezione Fidas. La  Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue infatti ha radicato le radici anche nella città del castagno. Con una riunione pubblica aperta a tutti a cui hanno partecipato oltre ai responsabili provinciali e regionali della Fidas, i volontari donatori anche il sindaco di Fagnano Castello, Giulio Tarsitano, anche lui donatore, il quale oltre a congratularsi per questa iniziativa ha messo a disposizione all’interno del palazzo comunale da dividere con le altre associazioni.

Fagnano, gli altri litigano e Tarsitano snocciola i lavori in paese

FAGNANO CASTELLO - «Gli altri pensano a blaterare, noi facciamo i fatti»: è l’affermazione del sindaco Giulio Tarsitano, che alle parole altrui fa seguire fatti concreti. Il tutto viene estrinsecato in una missiva diretta ai fagnanesi, nella quale il primo cittadino parla della “politica del lavoro”. «Abbiamo appena assistito – scrive Tarsitano – ad una manifestazione "elettorale" organizzata da una parte della minoranza consiliare e da qualche altro, che nonostante volantini, sms, telefonate, annunci social e passa parola, ha raccolto al massimo cinquanta persone, con un finale “rissoso” a causa di provocazioni verso chi evidentemente non la pensava come gli organizzatori».

Reintegra di Mollo, il comune di Fagnano incarica l'avvocato Mosca per l'appello

FAGNANO CASTELLO - Come già anticipato dal sindaco Giulio Tarsitano, la Giunta comunale fagnanese proporrà appello avverso la decisione del Tribunale civile di Cosenza per la reintegra, nel civico consesso, del consigliere Gennaro Mollo. Lo si evince dalla delibera n. 6, nella quale è stato conferito incarico legale agli avvocati Pasquale Giovanni Mosca e Nicoletta Gervasi per l’appello dinanzi alla Corte d’Appello di Catanzaro.

La giunta di Fagnano fa opposizione al reintegro di Mollo

FAGNANO CASTELLO - Il Tribunale Civile di Cosenza reintegra, con propria ordinanza, il consigliere Gennaro Mollo nel civico consesso. Ma la vicenda, già lunga di per sé, non sembra esaurirsi perché la Giunta comunale ha già dato incarico ad un proprio legale di fiducia per proporre opposizione presso la Corte d’Appello di Catanzaro. «Sono nuovamente in consiglio comunale e sono felice perché finalmente giustizia è fatta». Queste le prime parole di Gennaro Mollo, ex consigliere di maggioranza, quando ha annunciato la decisione del Tribunale al quale aveva presentato ricorso in merito alla sua estromissione dall'assise.

Il comune di Fagnano cerca un partner per accedere al Fondo Nazionale per l’accoglienza

FAGNANO CASTELLO - Il Comune di Fagnano Castello, al fine di partecipare al bando per la ripartizione delle risorse previste dal “Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo” (Fnpsa), messo a disposizione del Ministero dell’Interno, per l’accoglienza di richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale ed umanitaria, per gli anni 2016 e 2017, ha pubblicato nei giorni scorsi un avviso pubblico per l’individuazione di un soggetto partner e successivo gestore delle attività progettuali.

Fagnano, Vento Nuovo chiede chiarimenti sul sequestro del depuratore

FAGNANO CASTELLO Il sequestro del depuratore di località Rondinelle, nel Comune di Fagnano Castello, messo in atto dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato, sembra essere oggetto di dissapori all’interno della comunità. A renderlo noto è il consigliere comunale del gruppo “Vento Nuovo”, Lucio Gabrielli, il quale ieri ha inviato una missiva al sindaco Giulio Tarsitano (che aveva già detto di aver rispettato gli impegni in merito ai lavori) per presentare “il particolare clima creatosi in seguito al suddetto sequestro del depuratore e alle denunce conseguenti”.
Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners