Emiliano ad Acquaformosa inciampa e rompe il perone

ACQUAFORMOSA – Spiacevole incidente per Michele Emiliano questa mattina ad Acquafromosa. Durante un ballo con il gruppo folk che lo accoglieva nella piccola comunità arbëreshe, il presidente della Regione Puglia e candidato alla segreteria nazionale del Pd ha inciampato e rotto il perone. A darne notizia è stato lo stesso sventurato dalla sua pagina Facebook in cui afferma di stare bene e di non preoccuparsi, sottolineando di avere il “morale alto”.

Emiliano visita Acquaformosa. Per le primarie qui ha preso l'82% dei voti

ACQUAFORMOSA - «Il governatore della Puglia e candidato alla segreteria del Partito Democratico, Michele Emiliano, sarà ad Acquaformosa giovedì 6 aprile nell'ambito del tour calabrese». Ad annunciarlo l'assessore all'accoglienza del comune di Acquaformosa e delegato per l'immigrazione della Regione Calabria, Giovanni Manoccio. Due gli appuntamenti in programma, alle 10:30 saluto alla cittadinanza in piazza Papas Vincenzo Matrangolo, a seguire convegno sul tema "l'accoglienza e il sistema SPRAR" e poi visita nel centro minori e nei luoghi dell'accoglienza che rappresentano un modello europeo.

Unical ad Acquaformosa per studiare il suo modello di accoglienza

ACQUAFORMOSA – (Comunicato stampa) L'Unical alla scoperta del modello Acquaformosa. Negli scorsi giorni, infatti, un gruppo di studenti del master di primo livello "Docente educatore per l'inclusione interculturale e digitale" svoltosi all'Università della Calabria è stato ospite del progetto Sprar di Acquaformosa e del centro per minori non accompagnati "Roberta Lanzino". L'incontro, atto finale del master, è stato caratterizzato dalla visita dei corsisti, accompagnati dall'equipe multidisciplinare diretta della dott.ssa Simonetta Bonadies, dal presidente dell'associazione dott. Vincenzo De Angelis e dall'assessore all'accoglienza Giovanni Manoccio, che hanno visitato le strutture dello Sprar: dalla sede amministrativa a quella operativa passando per il centro minori alla presenza della responsabile minori Antonella Adilardi.

Il sindaco di Riace: "E' un onore essere al Festival delle Migrazioni"

ACQUAFORMOSA - «È un grande onore per me essere il primo ospite della quinta edizione del Festival delle Migrazioni, in programma ad Acquaformosa dal 18 al 23 agosto 2016. Saranno giorni importanti di incontro e confronto sul tema dei migranti, sarà l'occasione per ribadire che c'è una sola via per poter pensare a un mondo più giusto e a un futuro migliore: costruire ponti di solidarietà e abbattere muri di intolleranza». Lo dichiara Domenico Lucano, Sindaco di Riace e simbolo mondiale dell'impegno per l'accoglienza e l'integrazione che sarà presente nella serata inaugurale del Festival delle Migrazioni.

Svelato il programma del Festiva delle Migrazioni di Acquaformosa

ACQUAFORMOSA – (Comunicato stampa) Svelato il programma della quinta edizione del Festival delle Migrazioni che si terrà ad Acquaformosa (Cs) dal 18 al 23 agosto 2016. Organizzato dall'Associazione "Don Vincenzo Matrangolo" con il Comune di Acquaformosa e il Patrocinio delle Regione Calabria e dell'Unar, sarà una sei giorni di incontri con dibattiti, convegni, proiezioni di film, musica, spazi per grandi e piccini. Il tutto con un solo obiettivo: diffondere l'idea che per guardare al futuro con ottimismo bisogna lavorare per costruire ponti di solidarietà e abbattere muri di intolleranza.

Manoccio contro Salvini: "E' solo un pallone gonfiato. Boldrini venga ad Acquaformosa"

ACQUAFORMOSA – Si infiamma l'attesa del Festival delle Migrazioni di Acquaformosa con il vicesindaco Giovanni Manoccio che lancia un nuovo attacco al leader della Lega Matteo Salvini. All'origine del disappunto c'è l'affronto fatto da quest'ultimo al presidente della Camera Laura Boldrini, cosa non gradita a Manoccio che, immediatamente, ribatte: «Le parole di Salvini nei confronti della Presidente della Camera, Laura Boldrini, denotano la sua grettezza mentale. Il fatto è che, come abbiamo sempre sostenuto, è solo un tamarro o, vista la circostanza, un pallone gonfiato vuoto di idee e pieno di ciutia».

Tutto pronto per il quinto Festival delle Migrazioni

ACQUAFORMOSA – Dopo il successo dello scorso anno, ad Acquaformosa torna il Festival delle Migrazioni, giunto alla sua quinta edizione, che si svolgerà dal 18 al 22 agosto 2016.
Tanti gli eventi in programma e per tutti i gusti. Da importanti momenti di confronto con la presenza del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Marco Minniti, del Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, e del Sindaco di Riace, Mimmo Lucano, ai grandi spettacoli musicali di Eugenio Bennato e Mimmo Cavallaro. Senza dimenticare i bambini per i quali sono previste numerose attività. Il tutto in nome della pace e della solidarietà tra i popoli, circostanza necessaria, vera speranza per costruire un mondo migliore che sia fatto di ponti e non di muri.

Nuove nascite ad Acquaformosa, Manoccio incentiva "le culle" al posto delle "barriere"

ACQUAFORMOSA - «Mentre nell’Europa si erigono muri e si formano barriere con filo spinato, con un odioso ritorno alle tristi esperienze del passato, ad Acquaformosa, in Provincia di Cosenza, aumentano le “culle” che rendono sempre più multiculturale e sempre più accogliente il nostro piccolo borgo». Ad annunciarlo è l'assessore all'Accoglienza del piccolo comune arbëresh Giovanni Manoccio, già sindaco della comunità, che attraverso un nota annuncia le nascite, avvenute ieri presso l’ospedale di Castrovillari, di due bimbi di coppie ospiti del progetto Sprar. Si tratta della piccola Daniela nata ieri mattina da genitori Nigeriani ospiti da pochi mesi ad Acquaformosa, e del piccolo Mohaymine nato ieri pomeriggio da genitori della Costa d’Avorio, ospiti da circa un anno ad Acquaformosa.

Attentati a Bruxelles, Manoccio contro le dichiarazioni di Brunetta e Salvini

ACQUAFORMOSA – Le dichiarazioni di Brunetta all'indomani dell'attentato di Bruxelles non sono piaciute all'assessore all'Accoglienza del comune di Acquaformosa, Giovanni Manoccio. Infatti, se Brunetta ha affermato: «Terrorismo, emergenza immigrazione. A noi sembra che questo governo non abbia la forza, la capacità, la coesione per affrontare sia a livello interno che internazionale queste emergenze», dura è la replica dell'ex sindaco che torna a puntare il dito contro Matteo Salvini. «Che dire di Salvini -dice Manoccio- che da una posizione di assoluta sicurezza, con il telefonino, si lancia famelico a sbranare i corpi delle vittime per poterli usare per i suoi soliti scopi elettorali e di propaganda attraverso Facebook e twitter. All’indomani dell’attentato di Bruxelles -continua l'assessore arbëresh- mi sembra di assistere ancora una volta all’esplosione dell’ipocrisia e della cattiveria.

Ad Acquaformosa si tenta un ponte Siro-Kuwaitiano

ACQUAFORMOSA - A distanza di circa quattro mesi dalla loro prima visita, durata 2 giorni, ritornano nel piccolo borgo arbëresh di Acquaformosa i due uomini d’affari, di nazionalità siriana, che gestiscono attività commerciali ed industriali in Kuwait. Nel mese di ottobre scorso, infatti, i signori Aboutafi e Abdulrahman (questi i loro nomi) dopo aver girato per affari diverse nazioni del nord Europa, hanno deciso di fare una tappa in Calabria prima di rientrare nel Kuwait incuriositi e stimolati dalla descrizione dei luoghi e delle persone che avevano ricevuto dal loro amico e connazionale sig. Farouk, perfettamente integrato ad Acquaformosa ove vive da più di un anno ospite nel progetto SPRAR del comune.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners