Il restyling di Tarsia punta al recupero di spazi esistenti e abbandonati In evidenza

  • Soddisfatto il sindaco Ameruso per il risultato ottenuto
Il restyling di Tarsia punta al recupero di spazi esistenti e abbandonati

TARSIA - «Gli appalti appena partiti avranno un impatto importantissimo sulla vita sociale della nostra comunità». Così il sindaco di Tarsia, Roberto Ameruso, chiosa soddisfatto in merito all'ultima gara conclusasi con l'affidamento dei lavori, alla ditta aggiudicataria, sulla palestra comunale, il piazzale antistante e un manufatto presente da oltre 30anni e mai completato. «Si tratta di un intervento -spiega il primo cittadino- che interesserà l'intera area della palestra e dei campetti di calcetto e di tennis. La nostra visione più complessiva di quest'area è quella di un centro sportivo che sarà consegnato alla cittadinanza con tutta una serie di servizi, a partire dal rifacimento in toto della palestra che, purtroppo, è inutilizzata da tanti anni».

Ma l'opera di restyling dell'amministrazione comunale non si ferma qui. Infatti, da diversi anni gli investimenti fatti in tal senso hanno visto nascere, sempre nell'area delle scuole, un centro polivalente che viene utilizzato anche in attività extra scolastiche; la scuola dell'infanzia, inaugurata nel 2017, che ha avuto l'utilizzo di tutti gli standard qualitativi che la rendono oggi “un'opera la cui qualità e il suo impatto sono stati notevoli”. A questo si aggiunge l'adeguamento sismico della struttura comunale, il riefficientamento energetico, il rifacimento degli infissi, la messa in opera dell’ascensore (mai funzionante dalla costruzione del comune) e la messa in sicurezza degli spazi antistanti.
Ma Ameruso tiene a precisare che il processo di abbellimento non è completato, anzi spiega: «Tutti questi interventi fanno capo a due parole d'ordine: la prima è la bonifica e la messa in sicurezza dei siti e la seconda è il recupero di ciò che è rimasto incompiuto. Questo -dice- ha contraddistinto gli anni della nostra amministrazione, in cui abbiamo voluto ridare alla collettività opere e spazi importanti che da oltre 30 anni non erano compiuti o mai realizzati. Abbiamo recuperato il decoro urbano e diamo alla collettività opere che avranno un impatto importantissimo nella vita quotidiana di tutti i cittadini. Aumentare la qualità della vita -conclude- significa rendere più appetibili e più vivi i nostri borghi».

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners