Addio al nostro Direttore emerito Raffaele Fera In evidenza

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Addio al nostro Direttore emerito Raffaele Fera

SPEZZANO ALBANESE – Il nostro Direttore emerito, Raffaele Fera, non c’è più. La triste notizia ci giunge con una telefonata della moglie oggi pomeriggio. “Raffaele non c’è più” è il messaggio pieno di strazio. Ci ha lasciati questa mattina intorno alle 10.30 dopo una lunga malattia che, da qualche tempo, lo aveva costretto in ospedale per le adeguate cure. Da qualche anno si era trasferito a Piacenza dove, diceva, faceva il nonno a tempo pieno. La sua figura è stata determinante per la fondazione di questa testata giornalistica.

Raffaele Fera è stato un insegnate di Scuola Elementare, un appassionato storico e un fine giornalista. Ha raccontato il nostro territorio sin dai primi tempi, collaborando con diverse testate locali. Ha scritto diversi libri e si è sempre donato per la crescita della sua comunità albanofona. Nel 2009, era il mese di marzo, cominciammo a parlare del futuro dell’informazione sul nostro territorio, considerato che la carta stampata offriva sempre meno spazi  alle notizie colte dei nostri paesi, lasciando indietro quello che amavamo definire il progresso culturale di un’area geografica sempre più in fermento. Soldi non ce n’erano ma passione e voglia di fare tanta, così pensammo al web per portare l’informazione nelle case della gente.  Seppur la notevole differenza di età, Fera ha avuto il coraggio di aprirsi a un’esperienza che forse 8 anni fa era più vicina alle nuove generazioni che non a un insegnate ormai in pensione. La sua lungimiranza, però, era nota e chiara tant’è vero che già negli anni precedenti aveva deciso di fondare e dirigere un giornale locale. Sta di fatto che dai pensieri e dalle parole si passò ai fatti, soprattutto per la sua insistenza e la sua determinazione a portare alla luce il progetto di dirittodicronaca.it. Divenne il direttore e in breve tempo formammo una squadra di colleghi e giovani leve che riuscì a raccogliere il parere favorevole dei lettori. La prima impresa di questo gruppo fu il seguire in diretta lo spoglio delle amministrative dei comuni del circondario, cosa che piacque molto ai cittadini.

La nostra esperienza andò avanti fino a quando dovette trasferirsi a Piacenza per i motivi di famiglia di cui sopra, sebbene la sua malattia faceva il suo corso. Ci siamo sentiti qualche mese fa l’ultima volta e, nonostante non fosse in piena forma, ricordo come il suo spirito umoristico fosse sempre vivo.

Con lui se ne va un pezzo della nostra storia contemporanea, un guizzo di fine intelligenza capace di superare le differenze di età e di allinearsi ai tempi moderni. Così mi piace ricordarlo, insieme alla sua redazione come accadde qualche anno fa, una sera d’estate, nel giardino di casa sua, con una tavolata di amici colleghi con cui si è riso fino a tarda notte.

Mancherai a tutti caro “tiratore” (così scherzosamente si definiva giocando sul suo ruolo di direttore), mancheranno i tuoi consigli e i tuoi sorrisi.

I funerali si terranno martedì 24 gennaio a Piacenza e qui verrà seppellito. A Spezzano Albanese, invece, ci sarà una messa in suffragio.

Tutta la Redazione si stringe forte al dolore della moglie Ida Cicirelli e dei figli Riccardo e Maruska.

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners