Terranova da Sibari in prima linea per i fondi europei al settore

Terranova da Sibari in prima linea per i fondi europei al settore

TERRANOVA DA SIBARI - (comunicato stampa) Oltre 1,1 miliardi di euro dall’Europa all’agricoltura calabrese con i Progetti di Sviluppo Rurale (PSR) nell’ambito degli stanziamenti complessivi previsti dalla programmazione 2014-2020 della Politica Agricola Comune (PAC). Il Comune di Terranova da Sibari a lavoro con Enti, Associazioni e Istituzioni regionali per contribuire a coinvolgere la comunità agricola del territorio in questo vasto progetto di finanziamenti e agganciare, così, i primi segnali di ripresa economica generale che vanno profilandosi.

Questo il cuore del dibattito “Psr Calabria 2014-2020 – Nuova opportunità per l’agricoltura calabrese e locale, presentazione linee guida”, che ha raccolto, presso la Sala Consiliare di Terranova, la partecipazione e l’attenzione di Rappresentanti del Consiglio regionale, presente l’On. Domenico Bevacqua e l’On. Franco Sergio; del Dipartimento agricoltura, foreste e forestazione con la partecipazione del Direttore generale, Ing. Carmelo Salvino; di Coldiretti con il suo Presidente provinciale, Pietro Tarasi e del Consorzio di bonifica bacini dello Jonio cosentino con il Presidente, Marsio Blaiotta. Nel corso dell’incontro, in termini di contesto generale, sono state ricordate le difficili conseguenze della lunga recessione contraddistinta dal crollo del Pil e delle attività produttive nei diversi settori. Pur tuttavia l’agricoltura, rispetto al resto del sistema economico nazionale, ha dimostrato una maggiore capacità di far fronte alla crisi rispondendo con sacrificio alla dinamica della domanda interna, comunque indebolita. Nel complesso, il comparto agricolo ha assistito ad una fase di ristrutturazione e riorganizzazione determinata dalla riforma delle politiche comunitarie e nazionali che ha puntato alla crescita dimensionale delle imprese, all’introduzione di elementi di innovazione di prodotto e processo, alla formazione. Di fronte a questo quadro complessivo, che segnala connotati importanti di evoluzione positiva per fronteggiare la lunga crisi, il Sindaco di Terranova da Sibari – Luigi Lirangi – calando il ragionamento sulle prospettive agricole del territorio, ormai non più slegabili da quanto si decide in Europa, ha evidenziato innanzitutto “la necessità prioritaria di rilancio dell’agricoltura al centro dell’economia. Per questo obiettivo servono risorse significative che, considerato il livello di debito pubblico italiano, non sono certamente reperibili a livello nazionale. Pertanto è doveroso sfruttare con la massima efficienza e puntualità i fondi messi a disposizione dall’Unione Europea. Il Psr è una grande opportunità – ha proseguito Lirangi – per dimostrare ai nostri agricoltori che le Istituzioni politiche a tutti i livelli, le Associazioni di rappresentanza e gli Enti tecnici collaborano attivamente e senza sosta per un obiettivo comune: un nuovo modello agricolo, innovativo, solidale, e preziosa risorsa soprattutto per i giovani e migliori attese occupazionali”. In quest’ottica, per fornire il preciso contributo e sostegno alle aspettative della comunità agricola locale, l’iniziativa di confronto è anche servita per un appello alle Istituzioni regionali a concludere rapidamente l’iter procedurale dei Psr, consentendo quindi di lavorare per cogliere le nuove possibilità di sviluppo per i sistemi agricoli e agroalimentari, l’ambiente e il paesaggio, le aree rurali e i flussi turistici. In questo senso, basandosi su un approccio più tecnico della questione, il Consigliere delegato all’Agricoltura del Comune di Terranova – Massimiliano Smiriglia – ripercorrendo le soluzioni già adottate da altre Regioni italiane ha sottolineato “l’importanza per la massima comprensione delle modalità operative dei bandi che saranno emanati, e la messa a disposizione dei necessari strumenti finanziari e Fondi di garanzia, come in altri territori, in collaborazione con Ismea e settore bancario locale per favorire l’accesso al credito a vantaggio delle potenzialità di investimento degli agricoltori. A tal proposito – ha aggiunto Smiriglia – riveste un grande valore la novità del costo della garanzia attivata presso Ismea che viene pagato per la prima volta in quota parte dal Psr, aiutando così gli imprenditori agricoli a sostenerne gli oneri”. Queste, in sintesi, le risposte che il Comune di Terranova, nel limite delle sue competenze, vuole fornire agli agricoltori per
accompagnarli verso un rinnovato progresso.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners