La ricercatrice fagnanese del Cnr Laura Donato ospite del Municipio In evidenza

  • Il connubio tra la ricerca scientifica e l’arte di creare gioielli
Un momento dell'incontro Un momento dell'incontro

FAGNANO CASTELLO - “Tra arte e scienza: un evento per ricordare e far crescere il paese”. In questa ottica si è appena svolta un’altra tappa della libreria didattica “Leggiamoci su” in una serata carica d’emozioni. Il progetto, ideato da Maria Francesca Magno e promosso dall’assessore alla cultura Anna Maria Tarsitano, ha già arricchito il “maggio dei libri” con una serie d’eventi culturali di vario genere, ed ora ha proseguito il suo percorso con altrettante manifestazioni di grande valore sociale.

L’ultimo in particolare ha reso possibile il connubio tra la ricerca scientifica e l’arte di creare gioielli in un’atmosfera generale in cui il senso del benessere e del vivere salutare si è coniugato perfettamente al culto della bellezza. Lucia Donato, nota biologa e ricercatrice del Cnr, peraltro d’origini fagnanesi, ha raccontato - attraverso la sua testimonianza - con semplicità l’origine della sua ricerca e gli sviluppi della stessa incitando i presenti a lottare per ciò in cui si crede poiché con la determinazione è possibile realizzare grandi propositi. La biologa e nutrizionista Maria De Luca, invece, s’è soffermata sul valore della dieta mediterranea mentre la maestra orafa Roberta Tarsitano ha presentato la collezione di gioielli ispirati dal libro “Alimentazione Dna Microbioma” della dottoressa Donato e realizzati insieme alla sorella Cristina. Un’arte antica che nel paese ha avuto origine grazie al compianto maestro orafo Osvaldo Tarsitano che ha rinunciato al lusso e al benessere per vivere nel paese natio ed arricchirlo con il suo lavoro d’artigiano. La serata s’è conclusa con la lettura commovente di una poesia di Laura Donato dal titolo “Il coraggio di una mamma” che ha raccolto la comunità in un momento di grande e profonda emozione. L’amministrazione comunale di Fagnano Castello «nonostante le tante difficoltà d’una società dominata dalle tecnologie e dai mass media, persevera nell’intento di restituire valore alla cultura, valorizzare i talenti presenti nel territorio e far crescere la comunità attraverso la riscoperta delle vocazioni di quanti, giorno dopo giorno, continuano a lottare perché credono nel loro lavoro».



© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners