CALCIO UISP - Prime in classifica ferme, Terranova mantiene la vetta

CALCIO UISP - Prime in classifica ferme, Terranova mantiene la vetta

CASTROVILLARI – (Comunicato stampa) Poco da raccontare questa settimana: quando le prime tre della classifica non giocano per motivi diversi, è chiaro che l’interesse scade e l’inchiostro fatica ad uscire dalla penna del cronista. D’altra parte, il popolo che segue il torneo attende che venga scritta l’ultima pagina di un duello che si preannuncia a tre spade (Terranova, Villapiana e Fiorito Bisignano in ordine di classifica). Gli altri spunti, francamente, sono troppo flebili in termini di classifica perché si possa tenere desta l’attenzione dei lettori che, è cosa risaputa, non amano troppo gli arzigogoli sulle vicende di mezza classifica.

Per la verità, nemmeno i risultati danno una mano a chi deve raccontare: come commentare due goleade del tipo 7-1 o 7-0, tra l’altro esterni? Impresa improba, a dire poco. Qualche constatazione sparsa può (deve) essere comunque fatta: il Cassano si conferma una delle sorprese del campionato e, mollato giocoforza il sogno della vetta (aritmeticamente no, di fatto si) si candida per un posto sul podio che, oggettivamente, meriterebbe perché è la formazione che più ha migliorato la classifica rispetto all’anno scorso. Senza storia la gara di Malvito contro un avversario che si è presentato con gli uomini contati, tante assenze e scarse motivazioni se non quella di passare un pomeriggio in allegria avvicinandosi alla fine del campionato. Logico che, in questa situazione, venissero fuori i valori decisamente differenti scesi in campo. Un bravo, al di là del piazzamento, deve essere rivolto ai ragazzi di mister Pricoli autori davvero di una bella stagione. Nella casella dei rimpianti iscrive il proprio nome il S.Umile Bisignano che pure è riuscito a vincere sul difficile campo di San Demetrio grazie ad una rete messa a segno da Rose E. Senza troppi punti persi per strada chissà come sarebbe finita viene da dire: considerazioni sterili, come sappiamo, ma che lasciano l’idea di un campionato, per gli uomini di De Marco, più somigliante ad un’incompiuta. La marcia verso il traguardo, dunque, è accompagnata dal silenzio discreto piuttosto che dalla fanfara: diremmo che è mancata qualcosa proprio nel momento decisivo, quando c’era da fare il definitivo salto di qualità. La base di partenza resta buona come evidenziato in vari appuntamenti della stagione. Si avvia a chiudere bene anche il Roggiano del patron Valentino Miraglia che ha battuto una Sinco probabilmente un pò scarica (oltre che rimaneggiata) dopo la lunga rimonta del girone di ritorno. Di Tebaldo la doppietta decisiva che riabilita in parte un ultimo periodo decisamente avaro di risultati per i gialloverdi, usciti di scena troppo presto dalla lotta per i primissimi posti. Grigio pareggio tra Fuscaldo e Medici 1988, decisamente più utile ai viaggianti per mantenere la media esatta di un punto a partita. In linea con le previsioni. Due parole anche sui rinvii delle squadre di vertice, almeno per informare i lettori: Medici FC – BSV Villapiana era stata già posticipata a Mercoledì per esigenze della squadra ospite mentre Fiorito Bisignano – Terranova ha avuto uno stop obbligato a causa di un lutto che ha colpito la società di casa. Davanti a certi avvenimenti il calcio, specie se amatoriale, deve fare per forza un passo indietro. Ci mancherebbe.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners