Karate, risultati eloquenti per la Nazionale Universitaria guidata da un calabrese

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
La comitiva azzurra a Kobe (Giappone) La comitiva azzurra a Kobe (Giappone)

SAN MARCO ARGENTANO - C’è anche un inebriante profumo di Calabria negli eccellenti risultati che la Nazionale Universitaria di Karate ha ottenuto con ben quattro medaglie ai recenti Mondiali svoltisi a Kobe, nella terra del Sol Levante, e che si sono tenuti nei giorni scorsi. Il tutto si deve anche al maestro Luciano Dichiera, nativo di Caulonia (Rc), ma da molti anni residente a San Marco Argentano dove insegna questa disciplina a tanti giovani del comprensorio.

Stavolta il suo compito è stato prestigioso ma - al tempo stesso - più gravoso perché ha avuto la responsabilità di selezionare i partecipanti per la Nazionale di Karate agli Universitari nipponici. Dichiera è stato supportato dai coach Salvatore Loria e Roberta Sodero, tecnici senior della direzione tecnica nazionale. Ed alla fine i risultati sono arrivati con un oro, un argento e due bronzi oltre a tanti altri piazzamenti dei dieci atleti facenti parte della spedizione tricolore. Sul gradino più alto del podio è salito per il kumite (combattimento sportivo) Francesco D’Onofrio (-67 kg). L’argento è stato appannaggio di Terryana D'Onofrio nel kata, ovvero la forma tecnica. I due bronzi, infine, sono andati ad Ahmed El Sharaby (kumite, -75 kg) e Mattia Busato (kata). Buoni piazzamenti i quinti posti di Mattia Pampaloni (kumite, -60 kg); Eleonora Maria Lanzone (-55 kg); Francesca Cavallaro (-61 kg); e della squadra femminile di kumite, piazzatasi sempre quinta della quale faceva parte anche Silvia Semeraro (-68 kg), Infine, 11. posto per Anna Maria Damolideo (-50 kg); e Nico Armanelli (+84 kg). Capo delegazione del Cus nella trasferta giapponese, è stato il dottor Maurizio Cechini di Genova. La comitiva sbarcata da poche ore in Italia si è fatta immortalare con tutti i componenti in bella mostra nella struttura nipponica. Soddisfazione è stata espressa dal maestro Luciano Dichiera, orgoglio calabrese e del movimento "Karate Calabria per il mondo", fondato dal numero uno del karate sportivo calabrese, il maestro Gerardo Gemelli, che ha ricevuto i complimenti anche dal sindaco di San Marco Argentano, Virginia Mariotti.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello: La kermesse nel paese del Sol Levante si è conclusa nei giorni scorsi
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners