Sequestrata area ex campo sportivo con rifiuti urbani

VILLAPIANA - Gestione illecita di rifiuti e stoccaggio non autorizzato in area vincolata. Sono i reati contestati ad una ditta che usava da diverso tempo l’ex campo sportivo di calcio di Villapiana come stoccaggio di rifiuti. Dal controllo dei militari della Stazione Carabinieri Forestale di Corigliano è emerso che l’area, in disuso da diversi anni, situata in località S. Francesco di proprietà del Comune di Villapiana, è stata usata per depositare una grossa mole di rifiuti eterogenei abbandonati sul suolo, principalmente, resti di potature vegetali provenienti dalla manutenzione di giardini privati, in piccola parte già sottoposti a cippatura, misti a sacchetti in plastica alcuni dei quali contenenti residui vegetali, e alcuni ingombranti quali materassi, sedie, tavoli, bottiglie di vetro e plastica e tronchi depezzati di palme.

Un rumeno brucia rifiuti. Arrestato dai Carabinieri

ROSSANO – (Comunicato stampa) Nella giornata di ieri i militari della Stazione Carabinieri forestale di Rossano, nel corso di un servizio mirato alla prevenzione e repressione del fenomeno degli incendi boschivi, hanno notato una grossa fumata di colore nero alimentata di continuo in C.da Oliveto. I militari si avvicinavano alla zona senza farsi scorgere sorprendendo in flagranza di reato un cittadino rumeno, C.I. del 63', intento a bruciare rifiuti speciali di varia natura tra cui un ingente quantitativo di materiale plastico.

Malvito, incendio arriva a lambire alcune abitazioni

MALVITO - Un improvviso incendio, scoppiato nel pomeriggio di lunedì, è arrivato a lambire alcune abitazioni ed il deposito di un’azienda di autotrasporti sita in località Vadolati. Fortunatamente non ci sono stati danni né alle cose né tanto meno alle persone con diversi abitanti che hanno comunque preso un bello spavento. Sembra che le fiamme siano divampate poco più a monte a causa della ripulitura di un terreno dalle sterpaglie.

Una denuncia e un quintale di sostanze alimentari sequestrate a Montalto

MONTALTO - I militari della Stazione Carabinieri di Montalto hanno nei giorni scorsi effettuato una serie di controlli agroalimentari su prodotti avente marchio di origine controllata. Tale attività ha portato al sequestro di oltre un quintale di sostanze alimentari allo stato fresco destinate al consumo umano e 6000 euro di sanzioni amministrative. I controlli su strada effettuati hanno accertato in più casi, che durante il trasporto, le sostanze alimentari erano prive delle indicazioni previste dalla normativa quale le regolari etichette che viene posta prima che i prodotti vengano immessi in commercio.

Sequestrata cava a Spezzano, due persone denunciate

SPEZZANO ALBANESE - I militari della Stazione Carabinieri di Castrovillari, durante un’attività di controllo del territorio, hanno posto sotto sequestro una cava dismessa in località “Simeone” nel comune di Spezzano Albanese. Durante il controllo i militari hanno accertato all’interno di essa la presenza di persone che con l’ausilio di due mezzi, un escavatore e un autocarro, stavano prelevando materiale inerte dalla stessa. Le indagini hanno accertato che l’attività di estrazione era effettuata senza alcun tipo di autorizzazione, e che la documentazione fornita dagli stessi aveva come oggetto lavori di altra natura e in altro luogo.

Denunciato coriglianese per taglio di 600piante di eucalipto

ROSSANO – (Comunicato stampa) I militari della Stazione Carabinieri di Rossano a seguito di un controllo del territorio in località “Saline” nel comune di Paludi hanno deferito all’Autorità Giudiziaria un uomo di Corigliano per “distruzione e deturpamento di bellezze naturali dei luoghi soggetti a speciale protezione”. Durante tale attività si è accertato un taglio e l’estirpazione di un bosco ceduo di eucalipto, di origine artificiale,probabilmente per far spazio al altra tipologia di piante, senza la prevista comunicazione al competente settore Regionale.

Due denunce per occupazione di suolo demaniale

ROSSANO – (Comunicato stampa) Continua l’attività di controllo dei militari della Stazione Carabinieri Forestale sul territorio del Comune di Rossano. Una attività capillare, predisposta dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, che nei giorni scorsi ha portato al deferimento di altre due persone del luogo che hanno occupato abusivamente un’area demaniale. In particolare i militari hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip del Tribunale di Castrovillari ponendo sotto sequestro un tratto del greto del torrente “Celadi” occupato abusivamente al fine di realizzare una pista di transito.

Controlli agroalimentari: sequestri e sanzioni a Montalto

MONTALTO UFFUGO – (Comunicato stampa) I militari della Stazione Carabinieri di Montalto Uffugo hanno nei giorni scorsi effettuato una operazione di controllo nel campo alimentare finalizzata alla tutela e alla salute dei consumatori. L’attività, effettuata nei comuni di Lattarico e Montalto, si è concentrata sull’etichettatura dei prodotti avente marchio di origine controllata. In tre degli esercizi controllati sono state riscontrate alcune irregolarità che hanno portato al sequestro cautelativo di 48 kg di Grana Padano, preconfezionato, per il quale non è stata osservato l’obbligo di munire il prodotto del cartello recante le informazioni previste dalla normativa, di nove ritagli di salumi confezionati sottovuoto, le cui confezioni erano prive del “termine minimo di conservazione” e di alcuni pezzi di mortadella, preincartati e pronti per la vendita ma anch’essi privi di cartello recante le informazioni obbligatorie per legge.

Irregolarità sul funzionamento del depuratore di Spezzano, quattro persone denunciate

SPEZZANO ALBANESE – (Comunicato stampa) I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Castrovillari in collaborazione con la Stazione Carabinieri Parco di Cerchiara, a seguito di attività di indagine delegata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sulla gestione del depuratore comunale di Spezzano Albanese (CS) di località “Infascinato” hanno deferito all’Autorità Giudiziaria quattro persone, tra amministratori, tecnici e imprenditori. Durante l’attività di controllo dell’impianto, già sequestrato dalla Capitaneria di Porto di Corigliano Calabro nel 2015, sono state rilevate diverse irregolarità sul suo funzionamento in violazione alla normativa ambientale.

Sul depuratore sequestrato a Mottafollone arrivano le precisazioni del sindaco

MOTTAFOLLONE – (Comunicato stampa) Il Sindaco Basile Romeo e l’amministrazione Comunale di Mottafollone hanno predisposto una denuncia contro ignoti per il grave e vile gesto subito all’interno del depuratore comunale dove, giorno giovedì 23/03/2017 in seguito a controllo di Carabinieri e Forestali della Stazione di San Sosti sono stati ritrovati pezzi di amianto buttati appositamente nei pressi dei 2 cancelli di accesso al depuratore ed una anomala interruzione dell’energia elettrica dell’impianto di depurazione stesso, ripartito poi proprio durante il controllo.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners