Diario di una donna trafelata

E poi ci sono le donne. Quelle vere: le donne donne. Perse fra figli, lavoro, malinconie. Fra dubbi, diritti da difendere ed acquisire, lottando per essi. E cercando la felicità (che non esiste, non quella totale) fra rossetti, mascara e fard: cosmesi. Una passione comune. E fra le pieghe del mascara a volte è nascosta una lacrima. O da esso enfatizzata. Perché le donne piangono di più. E parlano di più: siamo gravide di parole. E le nostre giornate, così come le nostre parole, sono infinite. Bisogna placare un pianto. Eludere una lacrima. Coccolare un neonato. Giocando. Perdendoci “mammescamente” in una lontana infanzia. E c’è un articolo da scrivere. Uno spettacolo da proporre. O da recensire. Ed un altro curriculum da inviare. E la dieta, da iniziare… il prossimo Lunedì… Un biberon da scaldare. La piega da sistemare (ma ci si può anche rassegnare al capello arruffato. Perennemente. Che fa molto anni ottanta. Io l’ho fatto), vivendosi, fra fiction e realtà, nella propria personalissima versione di “Desperate Housewives”. Con pigiama, capelli e soprattutto pensieri arruffati. E c’è una giornata da vivere. Cercando un equilibrio. Nel caos di giocattoli e brandelli di sé, della propria femminilità. Sì, poi ci sono le donne: trafelate, forse, per vocazione. Perché, si sa, noi donne riusciamo a fare più cose nello stesso momento. Perché se gli uomini hanno cinque sensi, le donne ne hanno uno in più! Esempio pratico: scaldare un biberon, bere un caffè, tenendo in braccio il pupo, accendere il pc, per chi lavora con questo strumento infernale (“Mi sono sviluppato già abbastanza non ne posso più, mi sono sviluppato anche troppo, anche di più”… Cantava Giovanni Lindo Ferretti…), contarsi con precisione svizzera le doppie punte, dimenticarsi di non aver dormito un’altra notte, anche se le occhiaie sono lì pronte a far capolino, e riuscire con l’amica di sempre a concedersi un pettegolezzo (che male c’è?!?!?!) telefonico. Sì, e poi ci sono le donne, che sono un’altra cosa rispetto agli uomini. Siamo diversi. E quando le nostre differenze si incontrano può esserci l’AMORE. Che è un balsamo, sempre, sulle nostre ferite. E poi ci sono le donne: assetate e mai sazie di confronto. Portatrici sane di emozioni. E di sfumature. E contraddizioni. E per fortuna ci sono le donne imperfette. Con mille cose da fare e qualcuna dimenticata, senza ansia da prestazione. Le donne che vivono. Respirando il proprio caos interiore. E’ questa rubrica un dialogo con chi sa respirare la propria anima. Da donna/madre/giornalista a donna.

Smentendo luoghi comuni

Capita, non dovrebbe ma capita, di trovarsi in ospedale con il proprio/a figlio/a. Capita di dover fare dei controlli di routine, e che per varie circostanze esistenziali di fare la spola fra la Lombardia e la Calabria, Milano e Cosenza,…

La passeggiata

In questo appuntamento del Lunedì voglio raccontarvi una storia (vera). Succede anche nel 2014, anche nell’era del “Siamo tutti brillanti eternamente giovani e belli”, anche nell’era social, di poter essere soli. La solitudine non è sempre una condanna o una…

Il rito del sabato pomeriggio

La vita è fatta di riti, che si ripetono, moltiplicandosi in infiniti atti, come in una commedia. Uno di questi che mi accompagna, ed accompagna un po’ le donne in generale, è “la piega da sabato pomeriggio”. L’appuntamento settimanale dalla…

Adda passà a’ nuttata

Adda passà a’ nuttata diceva una delle più grandi personalità del teatro del Novecento: Eduardo De Filippo. Come grande uomo di teatro ha costruito sogni e realtà altre, ma è stato soprattutto uomo radicato nella sua realtà. Nelle sue commedie…

Che pasticcio Bridget Jones

Dov’è finita Bridget Jones? La “mia” Bridget Jones? Dissolta. Sparita, fra nuvole di botulino e/o lifting. Trentenne, fumatrice, con qualche chilo in più, sicuramente non astemia, anzi, un po’ imbranata. In una parola sola: adorabile! Così lontana dalla (nauseante ed…

TV cattiva maestra (?)

La tv è cattiva maestra, sentenziò Popper. E così fu. Sembrerebbe essere divenuto uno sport nazionale quello di criticare la tv. Male supremo. Fomentatrice di tutti i vizi. Contenitrice di stupidità. Tutti in Italia si appassionano alla rara tv intelligente.…

Matrimoniando...

Ebbene sì: Michelle Hunziker si è sposata con il suo bel Tommaso Trussardi. Bella e solare, bionda e raggiante, in attesa della sua terza figlia, con abito semplice e principesco al contempo, fiore in testa, acconciatura morbida, ha pronunciato il…

Oh Ridge...

Succede, a volte succede, l’imprevisto. Nella vita, come nelle soap. Sarà che i produttori non sanno più cosa inventarsi, sarà che ciò che non ti aspetti fa audience, sarà che anche le soap sposano cause sociali, ma sembrerebbe che Ridge…

Il pranzo della Domenica

C’è qualcosa che minaccia la vita di coppia, matrimonio/ convivenza/ fidanzamento. Qualcosa che in epoca post femminista non ha perso il suo potere. E non è la seduzione di altri parteners o… il logorio della vita moderna. No, niente di…

E la chiamano Estate ….

E la chiamano Estate, questa Estate senza te… Pene d’amor perduto, ed anche incipit da dedicare al sole e alla sua latitanza, per questo 2014. Pioggia, vento, clima autunnale, grigio un po’ in tutta Italia. E così per questo 2014…
Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners